E sono ventidue.

Yawn. Avevo appena finito di scrivere che i fessi sui mercati si erano fatti fregare ventuno volte , tanti sono stati i summit, quando e’ arrivato il raccolto della ventiduesima volta che si sono fatti spennare per bene. Vediamo di ricapitolare.

Qualche giorno fa Draghi se ne e’ uscito dicendo “faremo di tutto per salvare l’euro”. Forte di queste dichiarazioni, il mercato e’ esploso . A quel punto si sono unite la Merkel, Hollande, Monti, Rahoy, Brad Pitt , e via: spread in discesa, CDS in discesa, mercati in crescita.

 

FAREMO DI TUTTTOOOOOOOOOOO!!!!!!(Quello a destra e’ della Bundesbank).

 

Ovviamente, se la sera prima qualcuno era andato a cena con Draghi (e con chi volete che vada a cena Draghi? Con altri banchieri e finanzieri) , poteva sapere in anticipo come muoversi.
Dopodiche’ passa il tempo, i mercati garrono ei CDS sono depressi, e tutto quanto, quando improvvisamente (ma davvero Draghi non lo sapeva 15 giorni fa?) guardate che succede? Che non dice nulla.
Sapete quanto hanno guadagnato i commensali di Draghi, se per caso Draghi si e’ lasciato sfuggire questa cosa? Qualcosa come 190 miliardi di euro. No, non e’ una cifra strana , se considerate che solo Milano ne ha persi 88.
Ma davvero questo gioco e’ rilevante? Eccome. Per le banche europee, andare ad Agosto con 190 miliardi in tasca e’ comodo , ma comodo forte!
Chi ci rimette? E specialmente, com’e’ possibile che ci siano cascato 22 volte e ancora vadano avanti?  Beh, possiamo andare a cercare in giro, e lo vediamo subito. Guardate qui:
Mica male, eh? E per che cosa? La verita’ e’ che moltissimo (se non tutto) del trading viene fatto da macchine. Nessun umano puo’ reggere quei ritmi. Per cui, in generale le reazioni di quei software sono prevedibilissime.
Basta capire che bastano una o due dichiarazioni per mandare su un mercato, e che ne bastino una o due per mandarli giu’, ed il gioco FUNZIONERA’ ALL’ INFINITO.
Finche’ sara’ possibile fare misure statistiche sulle reazioni dei mercati alle parole di vari protagonisti, e a reagire saranno sempre e solo dei software, che hanno al massimo una indicazione tendenziale dall’ operatore umano , sara’ COMUNQUE possibile manipolare i mercati manipolando delle dichiarazioni.
E’ la ventiduesima volta dall’inizio della crisi che questi signori, semplicemente PARLANDO, provocano un rialzo e poi un tuffo dei mercati, o viceversa. E ogni volta si tratta di dichiarazioni ATTESE DA GIORNI, ovvero roba che viene preparata in anticipo.
In un certo senso gli anglosassoni se la sono cercata. Voglio dire, loro manipolano la stampa e le agenzie di rating (che ormai sono un’arma spuntata), allo scopo di creare manipolazioni psicologiche dei mercati. Il loro wishful thinking riguardo alla caduta dell’euro ci e’ noto da mesi, direi.
Quello che avviene dal lato europeo e’ che non ci si limita a continui articoli di giornale che buttano merda e fanno calare o salire i mercati: sono scesi in campo i pezzi grossi.
Se un articolo sull’ Economist puo’ seminare pessimismo o speranze e far alzare di qualche decimo di punto degli indici, e alla lunga produrre sconforto e ribasso, in confronto el dichiarazioni di BCE/BUBA e le varie Merkel, i Monti,  Hollande & co sono armi nucleari.
A giudicare da fuori, sembra che esistano due club. Il primo e’ “Gli amici della Merkel”, i quali cantano una musica precisa, sistematica , che manipola i mercati che e’ una bellezza.
Poi ci sono quelli “fuori dal club”, come la Spagna -che sinche’ non accettera’ ispettori europei non entrera’ nel club-  o la Grecia o l’ Olanda, che sono, a destini alterni, fuori dal club, e non partecipano al gioco.
I membri di questo club, (Merkel &banche tedesche, Hollande e banche francesi , Monti e banche italiane, BCE e BUBA) hanno scritto uno spartito di di dichiarazioni che manipolano i mercati anche piu’ di quanto non facciano le agenzie di rating. Se paragonate l’effetto del declassamento dell’ Italia a quello della dichiarazione di Draghi di oggi, (che pure di contenuti ne aveva, perche’ ha disegnato il processo per arrivare ad uno strumento di difesa) , vediamo subito che in confronto Draghi ha avuto una magnitudo quasi 1000 volte maggiore rispetto a Moody’s.
Prima o poi qualche genio tra gli angli se ne accorgera’ ed iniziera’ a notare che qualcuno ci azzecca sempre e qualcun altro ci rimette sempre, e si mettera’ a strillare che i politici europei e la BCE stanno bellamenta manipolando i mercati a furia di dichiarazioni.
LA domanda e’: quando i mercati smetteranno di agire in maniera isterica? MAI. Sono software. Bisognera’ cambiarli tutti prima che si liberino dall’effetto valanga, ma poiche’ sono progettati tutti per seguire un principio preciso, questo difetto originale RIMARRA’ SEMPRE.
Qual’e’ il difetto? Il difetto e’ quello di seguire un principio che potrei tradurre in questo modo:
se un titolo ha un comportamento molto differente dal resto del mercato e/o dai titoli considerati “sicuri” sul mercato, allora e’ il titolo piu’ RISCHIOSO.
In Italiano significa che il software e’ programmato cosi’: fai quello che fa la massa.
Se traduciamo principi come il CAPM o qualsiasi altro metodo per la misura dei rischi, infatti, quello che otteniamo e’ sempre qualcosa di simile: ” se ci sono movimenti fai quel che fanno tutti”.
Questo produce, come molti fisici avranno immaginato, un numero di Barkhausen enormemente superiore ad 1: il sistema e’ pazzescamente instabile, e basta che inizi un’onda di vendite per produrre uno tsunami di vendite.
Se quindi arriva Draghi e se ne esce con la sua dichiarazione, e contemporaneamente alcune banche europee dicono “vendi”, l’effetto dominante sara’ che i software diranno tutti “vendi” e l’operatore umano, che ascolta Draghi e non trova conforto, non ha ragione di contraddirli.
Siccome i software sono automatici e si basano tutti sul principio del Lemming “segui la massa” e chi li supervisiona e’ un umano che si basa sugli eventi del momento, e’ sufficiente una concomitanza di:
  • Una piccola “botta” di vendite in borsa o di domanda di CDS.
  • Una dichiarazione sconfortante.
per produrre un crollo di borsa e una crescita generalizzata dei CDS. Ideale per comprare in borsa e per guadagnare sui CDS (se si erano comprati quando costavano poco).
Al contrario, per produrre un rialzo basta che:
  • Una piccola botta di acquisti in borsa o di offerta sui CDS
  • Una dichiarazione positiva dei politici.
ed improvvisamente ecco un boom in alto.
Adesso mi direte: ma i mercati non imparano? No, i software che vengono usati di solito non hanno piu’ di 30-40 giorni di memoria, serve a non renderli troppo lenti nel cambiare strategia. Quindi, in realta’ il trucco funzionera’ a patto di ripeterlo ogni 30/40 giorni.
Voi vi farete due domande: ma non e’ possibile cambiare questi software?
  1. E’ possibile ed occorrono anni, solo per le questioni tecniche di sviluppo, testing, e poi di adeguamento ai contratti esistenti.
  2. Occorre che qualcuno scriva le nuove teorie economiche: attualmente, TUTTE le scuole insegnano che andare controcorrente sia la cosa piu’ rischiosa. Occorreranno anni per le teorie e per gli algoritmi.
Allora avrete un’altra domanda: ma i supervisori umani di questi software non possono fermarli? Spesso potrebbero, MA: ma e’ stato loro insegnato che andare contro la massa sia RISCHIOSO. E in questo periodo i mercati sono allergici al rischio.
Finche’, quindi:
  1. Tutti i software sono progettati secondo lo stesso paradigma “segui la massa”.
  2. Tutti gli operatori umani credono che non seguire la massa sia rischioso.
  3. Tutti gli enti di mercato sono allergici al rischio.
sara’ possibile, per i politici europei, produrre ogni 30/40 giorni una bella altalena.
Ora, che cosa succede tra circa 30/40 giorni?
Ovviamente la decisione della corte costituzionale tedesca. Si sono stupiti tutti della data cosi’ lontana della decisione.
Io no.
Scommetto che dopo circa 30/40 giorni dal 12 settembre (data di elezioni e di corte costituzionale) ci sara’ un altro summit per decidere, al termine del quale ci sara’ un’altro su-giu’, nel quale i meglio informati guadagneranno un sacco di soldi.
E continuera’ cosi’. Finche’ le banche del “club dei benparlanti” si saranno ricapitalizzate, finche gli investitori anglosassoni non avranno capito che il calvario durera’ sinche’ dura l’attacco, e non si saranno stufati di contare le perdite.
Voi vi chiederete: ma quanto possono tirare avanti questo balletto? Non si stancheranno di vedere sempre gli stessi attori dire le stesse cose? Basta considerare quanti attori ancora non hanno fatto la loro cantatina sul palco:
  • Bankitalia ancora non ha detto “no”. Puo’ sempre entrare in campo in futuro.
  • La banca di Francia se ne sta zitta , ma puo’ entrare in campo in futuro.
  • Corti costituzionali di Italia e Francia.
  • Partiti politici e risultati elettorali.
  • Il resto dell’eurozona: dopo la Finlandia, quanti cagacazzi possono spuntare fuori ancora?
Questa altalena di manipolazioni del mercato puo’ andare avanti ancora MOLTO piu’ di quanto gli speculatori si possano permettere.
Ed e’ quello che succedera’
Non vi illudete in una fine rapida.
E’ sostenibile una tempistica simile? Si, lo e’: l’ Italia, sinora, ha piazzato il63% del suo debito del 2012 (la tranche piu’ grossa ) ad un tasso medio che si aggira attorno al 3%. Sostenibilissimo.

Allora, ricapitoliamo: che cosa occorre per manipolare il mercato del debito europeo?

Ingredienti:

  1. 3-4 capi di stato che agiscano di concerto.
  2. almeno DUE banchieri influenti che facciano sbirro buono/sbirro cattivo.
  3. una decina di banche locali che subito dopo la dichiarazione tirino un “colpettino di vendite” o un “colpettino di acquisti”
  4. il resto delle banche del club che ha lo spartito del concerto in anticipo.
  5. Software di analisi con al massimo 30/40 giorni di memoria.
  6. Software programmati con l’idea che seguire la massa sia buono.
  7. Supervisori umani dei software che sono allergici al rischio.
  8. Supervisori umani dei software che pensano che seguire la massa sia meno rischioso.
  9. Teorie finanziarie basate sull’assioma per cui il titolo che si comporta in maniera difforme da alcune medie o alcuni titoli a rischio zero siano i piu’ rischiosi.
 ed il risultato e’ assicurato.
Per cui rassegnatevi: ogni 30/40 giorni, ci sara’ un’altro su-giu’. Adesso che a Francoforte hanno scoperto che il trucco funziona sempre, la guerra andra’ avanti cosi’ ancora per anni.

Back and forth, back and forth.

Uriel