E ancora…

E ancora...

Ieri ho scritto che presto Putin avrebbe cominciato a minacciare di usare le nucleari, ed e’ passato un giorno , e lo ha fatto. Questo dice molte cose su quello che succede a Mosca, mentre comincia ad essere chiaro cosa sta succedendo sul campo.

Di base sembra essere successo questo: l’Ukraina e’ un paese molto esteso, con molti spazi enormi e “vuoti” tra le citta’. Il problema di un simile territorio e’ che per coprirlo non bastano gli uomini che Putin ha messo in campo. Per poter compensare il numero, devono muoversi molto.

Questo richiede rifornimenti quasi continui di carburante, anche perche’ anziche’ puntare sugli elicotteri e le truppe aviotasportate, Putin ha puntato sui carri armati. Che sono un incubo logistico. Belli, eh. Ma per farli funzionare occorre una logistica spaventosa. Se poi la nazione e’ grande e per coprirla tutta e’ richiesta molta mobilita’, il compito e’ enorme.

Il guaio e’ che la logistica e’ semplice da colpire. E l’esercito ukraino in Stay Behind sta facendo proprio questo: concentrarsi sulla logistica. Come se non bastasse, la reazione di Putin (anziche’ radunare le truppe in delle roccaforti e costruire dei centri logistici li’) e’ quella di impiegare ancora piu’ truppe.

Vinceranno i russi? A tutt’oggi si direbbe di si’, ma le perdite per Putin sono davvero eccessive. E i militari cominciano a innervosirsi.

Da qui, ha lanciato l’ordine di portarele forze nucleari al massimo livello di allerta. La cosa ha due ragioni.

  • ribadire la sua presenza ai militari che prendono ordini da lui e che lui e’ ancora in comando.
  • farsi vedere al mondo circondato da militari che grondano medaglie. Il messaggio e’ “i militari sono ancora con me”, ma il messaggio ha senso solo se qualcuno ne dubita.

Prima di passare alle domande, voglio far notare una cosa: c’e’ un convitato di pietra che tace, in tutta questa vicenda. La Turchia. Il Mar Nero e’ estremamente importante per loro, e non possono non avere un’opinione su quello che succede poco distante dalle loro coste. Non si capisce bene come vogliano comportarsi, e con la Russia hanno in ballo anche la questione siriana. Nonche’ quella libica.

Mi aspetto che prima o poi Erdogan ci faccia sapere cosa ne pensa. Certo, il fatto che stia vendendo droni agli Ukraini qualcosa dice. Ma vedremo.


Andiamo al punto nucleare: Putin che mette la forza nucleare in modalita’ di allerta e poi lo dichiara anche. Questo e’ dovuto al fatto che Putin il favore dei suoi boiardi (uso il nome storico di quelli che chiamate Oligarchi) lo ha perso da anni ed anni, ed e’ per questo che ha continuato a governare, schiacciandosi, portando al governo la criminalita’ organizzata.

E ancora...
Gente cosi’, insomma.

Ora che i militari ci hanno piantato una pessima figura e i boiardi li ha contro, potete considerare la Russia come un’Italia nella quale la Camorra ha preso il potere, e tiene al potere il governo con le sue forze.

A consigliare Putin oggi sono dei mafiosi, che ormai sono ovunque nello stato, per cui dovete capire che consigli gli stiano dando. Che cosa farebbe un mafioso se dovesse spaventare dei nemici?

Darebbe un avvertimento. E poi un piccolo incendio d’avvertimento. E poi una bombetta, se non capiscono.

Ed e’ quello che a Putin verra’ consigliato di fare. Avvertimenti e minacce. Se nessuno reagisce alle minacce, l’intimidazione passa ai fatti.

Per questo, adesso e’ davvero pericoloso. I prossimi giorni sono cruciali.

Andiamo alle domande.


  • Dovremmo entrare in guerra contro la Russia?
  • No. Primo, perche’ una guerra nucleare e’ quello che gli USA vogliono, e come spero ormai avrete capito, con il Putin che abbiamo puo’ solo finire cosi’. Secondo, perche’ se anche la guerra non fosse nucleare, prenderle dagli ukraini e’ una cosa, dalla NATO un’altra.
  • Putin attacchera’ le repubbliche baltiche?
  • Non nel breve termine. I suoi limiti logistici sono diventati visibili. Per attaccare ha bisogno di costruire decine e decine di bastioni che gli garantiscano la logistica iniziale. Un tempo di preparazione grottesco. Le forze armate bielorusse sono uno scherzo. La Polonia ha sviluppato un esercito ferocissimo. Montare quell’apparato offensivo prima di attaccare sarebbe un suicidio. E specialmente: rischierebbe seriamente di perdere Kaliningrad.
  • le democrazie sono davvero cosi’ deboli e paurose?
  • no, e in genere non e’ vero. Gli USA stanno facendo una guerra ogni 5/10 anni, e hanno lo scettro della nazione piu’ guerrafondaia, seguiti solo dagli inglesi. Su quale pianeta succeda che le democrazie facciano meno guerra, o che temano la guerra, lo sanno solo i giornalisti idioti che scrivono sui giornali italiani.
  • in caso di embargo totale la Russia cadra’ in mano ai cinesi?
  • Non volontariamente. La cultura politica russa si divide da secoli tra panslavismo e orientalismo. Putin e’ chiaramente un panslavista, poco attivo sul fronte orientale, cui non bada. Altrimenti si sarebbe accorto del takeover strategico dei cinesi sulla Mongolia. Se anche si avvicinassero, i Russi lo farebbero con diffidenza e obtorto collo. E solo perche’ costretti. Poi c’e’ il problema dell’ Africa, ove l’influenza russa e’ in conflitto con quella cinese, eccetera.
  • dunque Biden sta ottenendo quel che vuole?
  • Ni. Non so cosa stia succedendo negli USA, ma in qualche modo aiutare gli ukraini non sta irritando tanto Putin, che invece e’ preoccupato sul cosa dire alla popolazione che e’ in coda di fronte alle banche , e ha paura di perdere il potere. E del fatto che su due pilastri del potere russo, gliene sia rimasto solo uno, la criminalita’ organizzata. Biden ha risollevato la propria immagine, ma la guerra in Europa non sta portando il collasso che probablmente sperava.
  • secondo te chi verra’ colpito?
  • rispetto al 2016 la situazione e’ diversa perche’ in Ukraina le cose non vanno come voleva Putin. Credo che potrebbe usare una nucleare da teatro per colpire una piccola citta’ ukraina e terrorizzare i resistenti. Prima colpira’ una piccola(?) citta’ ukraina, credo.
  • le sanzioni piegheranno la Russia?
  • le sanzioni hanno il compito di verificare se l’Europa e l’Occidente riescano a trovare una politica comune. Possono fioccare alcune aree dell’economia russa, ma Putin e i suoi sicofanti sono disposti a mangiare erba prima di ammettere che sono sconfitti.
  • esiste una scappatoia furba per Putin?
  • si’. Ma non ha piu’ consiglieri adatti. Se Putin volesse buttare via gli USA dall’europa, non avrebbe che chiamare la Von der Leyen e fare un accordo di smilitarizzatione del confine ukraina-RUssia con la UE. In tal caso, avrebbe buttato di fatto gli USA fuori dall’europa, nel senso politico. Ma non fara’ mai una mossa del genere, non e’ nel suo carattere e nemmeno in quello dei criminali che lo consigliano.

Commenti

  1. Anonimo

    “Se Putin volesse buttare via gli USA dall’europa, non avrebbe che chiamare la Von der Leyen e fare un accordo di smilitarizzatione del confine ukraina-RUssia con la UE. ”

    La leader di cartapesta fuggirebbe terrorizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.