Il perche’ di Grillo

Sto lavorando a Pietre, quindi scrivo meno del solito qui durante il weekend. C’e’ solo una cosa che mi sovviene alla mente leggendo i giornali italiani. Monti durera’ ancora per molto tempo, e Grillo e’ parte integrante -ma non lo sa perche’ politicamente troppo stupido- di questo disegno.

C’e’ da fare una premessa: in Italia il presidenzialismo esiste, e si chiama “governo tecnico”. Esso si realizza col fallimento del parlamento: quando il parlamento e’ inutile, farlocco o palesemente incapace di , il presidente della repubblica ha buon agio a produrre un governo tecnico, ovvero a diventare lui stesso presidente del governo , esercitando materialmente tale funzione POLITICA attraverso il “tecnico” che nomina per gestire gli aspetti materiali -ma non politici- del proprio governo.
Questo cioe’ non e’ il governo Monti, ma il governo Napolitano, ove Monti ci mette la faccia.
Quali sono le condizioni perche’ questo continui?
Innanzitutto, e’ iniziato quando improvvisamente il parlamento e’ stato cosi’ debole nel sostenere il governo che una semplice pressione internazionale e finanziaria  e’ bastata ad abbattere il governo legittimo.
E continuera’ sino a quando si realizzera’ questo scenario.
Per quanto riguarda lo scenario finanziario, replicarlo e’ semplice: le banche italiane oggi possiedono cosi’ tanto debito che semplicemente buttandone sul mercato secondario una parte possono cambiare le condizioni di spread. La crisi torna ogni volta che ABI lo vuole, punto e basta.(1)
L’inconsistenza del parlamento e’ semplice da ottenere. Se si votasse oggi -cioe’ il PDL rompesse col PD (ed il PD col PDL, o intendono davvero governare insieme a Berlusconi?)  e il governo cadesse, si otterrebbe che:
  1. Un PD immaturo e succube di grillo, con un processo interno di rinnovamento dei quadri  abortito e numerose contestazioni, non otterrebbe sufficienti voti per governare da solo, e nemmeno coi centristi.
  2. Di Pietro e Vendola insieme sono destinati all’opposizione.
  3. Il PDL non prenderebbe abbastanza voti e la Lega non ha piu’ la forza di sostenerlo e i centristi non bastano da soli.
  4. Grillo toglierebbe un 10% di voti al gia’ incerto panorama e terrorizzerebbe banche e finanzieri ed UE con i suoi discorsi contro l’ Euro e sul default.
  5. I centristi sognano qualcosa che non tornera’ mai.
Un parlamento di questo genere non ha alcuna speranza di portare ad un governo. Specialmente se, con una forzatura sul sistema elettorale, ogni forza politica si sforzera’ di delegittimare l’altra, e i due maggiori partiti hanno inchieste che incombono sulle loro classi dirigenti.
Fatto questo, “guarda caso” subito dopo le elezioni lo spread tornera’ a salire, e bisognera’ a tutti i costi dare al paese il governo che piace al Presidente della Repubblica.
Cosi’, quello che succedera e’ che il Presidente -ammesso che non sia Monti- scegliera’ Monti per un governo di -<etichetta a piacere>- che possa affrontare l’emergenza.
Non ci sara’ nemmeno bisogno d intervento esterno: bastera’ che le banche buttino un pochino di btp sul mercato per variare lo spread, e zap, emergenza spread, paese in pericolo, escono dai fottuti muri, Grillo va in prima pagina ogni giorno con le sue idiozie , ed ecco il grande sospiro di sollievo che vi cogliera’ quando finalmente avrete il governo di unita’ nazionale/costituente/ricostituente/ejaculatore precoce/turbodiesel/tecnico/artistico/musicale/sarcazzocosa che guidera’ il paese.
Il risultato sara’ il solito pentapartito al governo , dal PD, PDL, UDC, con un “tecnico” (Monti o un uomo di Monti se Mario sara’ presidente della repubblica) e una opposizione di farlocchi che vanno da Vendola a Grillo , da Di Pietro a -se si presentera’ – la Lega.
Monti, cioe’, ve lo tenete.Come primo ministro o presidente delal repubblica, piace troppo laddove si puote quel che si scuote perche’ la sua carriera finisca li’.
Perche’ dico che Grillo e’ essenziale? Perche’ da quando c’e’ Monti, le uniche opposizioni sono Lega e IDV. L’ IDV, che si vede minacciare i rimborsi elettorali dei quali il loro capo vive e prospera, come opposizione non e’ un granche’. E la Lega ha i suoi problemi.
Per mantenere una parvenza di democrazia e specialmente per avere un qualche Satana con cui giustificare un altro governo tecnico occorre qualcuno che:
  1. tolga ai partiti una decina di punti percentuali, cosicche’ nessuno possa piu’ formare una maggioranza.
  2. Sia rumoroso come opposizione , dando l’impressione di una democrazia.
  3. Dica delle cose tali che sia possibile una conventio ad excludendum.
Fatto questo, l’unica maggioranza possibile sara’ ancora una maggioranza “tecnica”, e il gioco e’ fatto. Un governo tecnico che ha come bastone lo spread -che le banche italiane manipolano come vogliono- e come carota il credito alle imprese -che le banche manipolano-.
Cosi’, Grillo e’ semplicemente un Utile Idiota in questo gioco. Per questo i giornali che gli attribuiscono piu’ successi e che lo sbattono sempre in prima sono proprio i giornali della finanza: Grillo e’ funzionale ai loro disegni, con un partito al 10% in parlamento , l’unico governo possibile e’ quello “tecnico”.
Monti , o qualche altro tecnico del tutto equivalente, ve lo tenete piu’ di Andreotti.

Uriel
(1) Con questo non voglio dire che ABI sia l’unico speculatore, intendo solo dire che le banche italiane hanno munizioni a sufficienza per cambiare lo spread sul debito.