I microfoni di radio subnormale.

C’e’ una tempesta di commenti indignati nei miei commenti, quindi mi scuso ma non so se ho tempo di premere tante volte il tasto “Delete”. Ma visto che mi ci tirate per i capelli, vi dico che cosa sia il “movimento cinque stelle”, cosi’ come vi spiego come funzioni il successo di questi “partiti del popolo”. E vi avviso, sto per farvi male.

Anni fa il Partito Radicale -il protopartito di ogni partitello di “democrazia dal basso”- fece un esperimento impressionante. Siccome possedevano una radio su scala nazionale, misero la segreteria telefonica in collegamento diretto con l’antenna. Significa che chiamavate Radio Radicale, lasciavate il messaggio in segreteria , e dopo qualche minuto finiva online.

Il risultato era impressionante: sia perche’ non c’era UN SOLO minuto di pausa , ovvero la segreteria era presa d’assalto, sia perche’ l’italia che ne usciva era orribile, miserabile, ignorante, odiosa, astiosa, invidiosa, ma molto piu’ chiaramente: RIPUGNANTE, DISGUSTOSA.

Tuttavia non mi voglio soffermare sui contenuti, ma sul meccanismo. Prendete questo personaggio qui:

25350_1307755865838_1588823526_727416_2363991_n
http://it.wikipedia.org/wiki/C.T.

Ecco il prototipo del credente nelle scie chimiche, nel signoraggio , nei rettiliani o in quant’altro. Voi forse provate pena per questo individuo, e lo considerate un caso clinico solo perche’ credete che fosse da solo. Ma quando Radio Radicale apri’ i microfoni al paese reale, il paese stesso realizzo’ che di persone cosi’ ce ne fossero MIGLIAIA, se non MILIONI.

Adesso andiamo a chiederci che cosa bisogni fare, se si vogliono raccogliere tutti questi voti. Che cosa devo fare se voglio che mr “la chiesa ti uccide con l’onda” voti per il mio partito? Che cosa vuole, di preciso, questa persona? Che cosa posso promettergli per convincerlo a votarmi, a militare nel mio partito? Guardatelo: per un partito e’ una risorsa preziosa. Guardate quanto tempo dedica alla causa, quanto della sua vita sacrifica per mandare il proprio messaggio, guardate che fede incrollabile che ha: non e’ il militante che ogni partito vorrebbe?

Ma che cosa possiamo offrirgli in cambio della sua militanza? Che cosa desidera di piu’ quest’uomo?

Ora, basta guardare la foto per capire che cosa voglia quest’ uomo: audience.

Oggi chiamiamo cosi’ quello che un tempo era semplicemente la possibilita’ di fare un comizio, di salire sul palcoscenico, di avere qualche ora di notorieta’. Di parlare alle masse, di sentire degli applausi.

Oggi a tutto questo si e’ sostituito qualcosa d’altro. E’ nata una serie di partiti la cui economia politica consiste nel promettere a CHIUNQUE abbia opinioni normalmente messe a tacere dalle risate di  avere un palco da cui fare un comizio.

E non solo: la promessa di questi partiti e’ che “uniti possiamo farcela”. Non importa se tu dici che la chiesa ti uccide con l’onda mentre un altro crede nelle scie chimiche: le scie chimiche avranno, in qualche modo, a che fare con le onde della chiesa. E se qualcuno crede nei rettiliani che dominano il mondo, non c’e’ problema: in qualche modo, i rettiliani sono coinvolti sia nelle onde della chiesa che con le scie chimiche, fino all’inevitabile effetto di causare il signoraggio e attirare gli alieni dentro la cavita’ che, come e’ noto, si trova sotto la terra che non contiene nulla. Questo modo di unificare le idee si chiama “sincretismo”.

Il business di questi partiti, cioe’, si divide in quattro GRANDI “use cases”:

  • Il mio partito ti procurera’ un posto ove potrai dire QUALSIASI cosa in pubblico, da un apposito palcoscenico.(i commenti del blog di Beppe Grillo per dirne una). Il sincretismo tra cazzate e’ , ovviamente, ben accetto: il signoraggio produce scie chimiche.
  • Il mio partito ti procurera’ un pubblico che ti applaudira’ sempre, anche se in cambio ti chiediamo di applaudire a tua volta quando qualcun altro sale sul palcoscenico.
  • Lo scherno e la derisione che normalmente vi hanno afflitti appena avete aperto bocca, in passato, verranno annientati col numero: siamo tanti, e ci applaudiremo tra noi.
  • La solitudine che avete provato sinora quando dicevate che i dinosauri sono sopravvissuti e vivono di nascosto tra noi (tra cui, lanciando banane alla gente mentre studia, noto hobby dei velociraptor moderni) , e’ finita. Perche’ qualcun altro non la pensa come voi, ma pensa una cazzata altrettanto grande, ed e’ disposto a vivere -forse anche accoppiarsi- con voi , a patto di non deridersi a vicenda.

Cosi’, vista la massa enorme di gente che crede a fesserie del genere, si crea una massa disposta a seguire il partito. Il partito, ovviamente, sopravvive sinche’ propone un palcoscenico a rotazione (i commenti del blog di Beppe Grillo, per dire) dal quale spiegare al mondo che la chiesa ti uccide con l’onda.

Questi meccanismi vengono definiti “democrazia diretta”, “valore alle persone”, “democrazia digitale”, “rivoluzione dal basso”, “democrazia dal basso”, eccetera. Ma si tratta semplicemente di quelli che definirei “i microfoni di radio subnormale”.

Quando , esattamente, questi partiti iniziano la loro parabola discendente? Ovviamente, quando i quattro presupposti cui sopra iniziano a venire meno:

  • Ad un certo punto, la dimensione delle cazzate in gioco si fa sempre piu’ evidente. I meno “radicali” , cui resta ancora un barlume di lucidita’, possono accettare che “la trilaterale governa il mondo”, ma se la trilaterale e’ anche formata da dinosauri che sono ANCHE alieni e fanno bere 33CL di sperma ad un’amica di mia cugina alla festa dove Morandi mangia merda insieme ad una signora che finisce al pronto soccorso con un alano che la ingroppa, beh, diciamolo pure: nessuno ha capito bene che minaccia siano i coccodrilli albini nelle fogne di New York. E cosi’ lascio il movimento”. Prima, cioe’, avviene una fuga dei pochi ancora parzialmente lucidi, il che porta il movimento a spararle sempre piu’ grosse.
  •  Il pubblico che applaude sempre inizia a chiedere di essere applaudito, ma e’ come una droga che dara’ assuefazione. Se prima bastava avere il diritto di scrivere sul blog di Grillo un commento, poi i commenti diventano dieci, cento al giorno. Poi si vuole , in campagna elettorale, prendere il microfono per due minuti. Poi diventano dieci. Poi cento. Ma non c’e’ tutto questo tempo.
  • Poiche’ il partito incoraggia le cazzate, vengono prodotte cazzate sempre piu’ grandi: la Same Govy  (fondata da Samuel Govy, evidente nome ebreo) produceva un “feromone boeing” che, spalmato su un palazzo, fa si che ogni aereo femmina si arrapi e gli si fiondi addosso: e’ cosi’ che hanno fatto l’ 11 settembre. Ad un certo punto, nemmeno il numero di iscritti al partito basta a frenare la derisione, e si diventa “il partito degli sbroccati”. Il vantaggio del numero si annulla, anzi: basta avere la tessera o mostrare simpatie per venire emarginati peggio di prima.
  • Dopo un pochino, e’ chiaro che il partito ti ha fornito tanti nuovi amici, magari ci hai pure trovato la fidanzata, ma il senso di solitudine non si attenua: a volte hai la sensazione che invece di essere un subnormale isolato sei semplicemente entrato in un club di subnormali. E il fatto che la tua nuova fidanzata beva la propria urina per prevenire il cancro ti fa sospettare alcune cose. Specialmente riguardo al suo alito. Alito che non aiuta i rapporti sociali al di fuori del partito. Forse era meglio prima, (se escludiamo che la tua morosa ti fa i pompini senza chiederti di lavartelo)?

Cosi’, questi partiti iniziano lentamente a sgonfiarsi, a meno di non trovare altri frustrati, attratti dallo “sdoganamento” delle proprie idee.

Sul piano politico, ovviamente il disastro appare chiaro anche prima:

  • Ogni volta che si propone di trovare un leader, ne esce che il leader avra’ tutto il palcoscenico per se’. Ma come, gli iscritti si sono uniti per avere il palcoscenico un pochino ciascuno, e adesso c’e’ il capo che parla e gli altri stanno zitti? E lo stesso dicasi del portavoce: come sarebbe che LUI parla a nome di tutti? E la democrazia dal basso? E il MIO tempo per parlare? Niente leader, nessuno che possa tracciare alleanze : niente portavoce, nessuno che parlare a nome di tutti. In politica, l’inizio della fine.
  • Le persone con un minimo di competenza specifica in qualsiasi materia faticano a farsi vedere in compagnia degli inventori della biowashball, delle scie chimiche, del signoraggio. Ma prima o poi bisogna capirci qualcosa, per governare anche un solo comune montano: bisognera’ ben capire che la neve non e’ la cacca degli alieni. Cosi’, prima o poi si scopre che manca una classe dirigente qualificata, e la risposta “democrazia dal basso” indica solo il basso valore della democrazia che si ottiene.

Cosi’ , e’ inutile che si tenti di fare di questi partiti delle vere forze di governo. Non funziona. Non appena queste comunita’ vorranno esprimere una posizione chiara avranno bisogno di qualcuno che parli a nome di tutti, cioe’ AL POSTO di tutti, causando la fuga di coloro che si sono uniti al partito perche’ volevano parlare LORO.

E quando si chiedono proposte, bisognera’ in qualche modo scremarle e renderle coerenti, fattibili, pianificabili. Questo richiede esperti e competenti, che in quanto tali avranno piu’ peso di altri. Ma questo riproduce l’emarginazione sociale da cui i militanti sono fuggiti per via delle loro “competenze alternative”.

Ed inizia cosi’ l’inevitabile declino.

Finche’, ovviamente, qualcuno non riaprira’ da qualche altra parte i microfoni di radio subnormale. Magari la versione 2.0.

Questo e’ cio’ che penso del “movimento cinque stelle”, di Grillo e di tutti quanti gli altri.

Se vi fa male, forse vi fa anche bene.

E se qualcuno ve la mena con i meravigliosi programmi di liberta’ “inventati” da questi movimenti, mandateli qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Poujadismo  . Le liberalizzazioni, le invettive del ceto medio, eccetera, sono tutte qui.

Uriel

AlienCased
Adesso, per curiosita’, voglio vedere come sono i maschi.(se tanto mi da’ tanto)