Scontro di pisquani.

Sapevo bene che mi avreste scritto per chiedermi dello scontro tra Berlusconi e Santoro, ma onestamente ne scrivero’ giusto due righe e poi scrivero’ di altro. Anche perche’ tutta la storia di queste elezioni e’ scritta nel “non ci ricordiamo piu’ il passato”, ma basterebbe avere un pochino di memoria per ricordare proprio quel che serve.

Di tutte le cose che avete scritto, mi meravigliano le grossolane falsita’  che date per scontato.
Per prima cosa , Berlusconi non era nel campo del nemico. Non piu’ di quanto lo sia Paperon de Paperoni dentro una miniera d’oro. A chiunque appartenga la miniera, Paperon de Paperoni vi si trova perfettamente a proprio agio. Qui si tratta di memoria corta. Voi ricordate la TV italiana prima delle TV commerciali? No? Io si. E non c’era niente come Santoro.
Santoro fa programmi che hanno un format relativamente moderno, un format portato in Italia dalla TV commerciale.  In definitiva, cioe’,quei programmi li ha portati in Italia Silvio Berlusconi.
Ora, siete davvero certi che Berlusconi sia fuori dal proprio ambiente quando va in TV, in un format che LUI ha importato per primo? Il primo in Italia a credere in quel format, al punto di metterci soldi suoi (e non del canone) e’ stato Silvio Berlusconi, e voi vi aspettate che si trovi a disagio da Santoro?
Memoria corta.
Altra memoria corta riguardo al carattere di Silvio Berlusconi. Si sapeva che Silvio fosse una persona molto vendicativa, e avendola giurata a Travaglio, alla fine l’ha fatto.
Ora, diciamolo: se ti presenti di fronte ad un tizio che, come presidente del Consiglio, ha diretto i servizi segreti negli ultimi anni, e ha inoltre una grossa possibilita’ di investigazione, e lo fai con dieci condanne penali per diffamazione, beh, tanto sveglio non devi essere. Probabilmente Travaglio pensava che Berlusconi sarebbe stato distrutto psicologicamente dalle aggressioni verbali, ma anche qui avete memoria corta: e’ mai successo?
Cosi’ ovviamente quello gli ha sbandierato in faccia, a fine trasmissione, le sue dieci condanne per diffamazione, e adesso nove milioni di persone sanno che Travaglio e’ un diffamatore professionista: spiace dirlo, ma con dieci condanne per diffamazione, sara’ difficile per Travaglio reagire in sede legale. Sei un ladro professionista quando sei recidivo due-tre volte, con dieci volte ti si chiama ladro incallito: lo stesso vale per la diffamazione.
Altra memoria corta.
Sulla vicenda del suo governo, Berlusconi ha fatto quello che hanno fatto tutti i partiti CHE PURE HANNO SOSTENUTO MONTI. Non so se vi ricordate, ma all’inizio del suo governo Monti chiedeva ai partiti di dare un profilo piu’ politico al suo governo, mettendoci dei ministri politici. TUTTI i partiti hanno rifiutato, e questo suona piu’ o meno cosi’ : “prima che canti il gallo, mi avrai rinnegato tre volte”.
Oggi Berlusconi dice che e’ tutta colpa di Monti , Bersani dice che non e’ d’accordo con la politica di Monti, eccetera. Ma sia Berlusconi che Bersani hanno votato i provvedimenti del governo Monti.
Tuttavia i ministri non erano dei politici di questo o di quel partito, cosi’ ora ogni partito potra’ tirarsi fuori e rinnegare il governo Monti.
Memoria corta?
Ma la vera domanda non e’ tanto “oddio, e adesso chi vince?”, ma semmai “oddio, e adesso cosa conta chi vince?”. Non tanto perche’ sapete bene che io  ho un solo leader politico ideale, ed e’ Raul il Re di Hokuto,

Il tuo voto? E chi te l’ha mai chiesto?

il quale ha un solo antagonista all’opposizione,

 

ma perche’ in effetti stiamo assistendo ad un grosso ritorno di protagonismo della politica UE, mentre arrivano riconoscimenti piu’ o meno formali dal resto del mondo, riguardo al fatto che no, la UE non e’ destinata ad andare in pezzi.
Lo dice il buon Obama che sta facendo pressioni enormi sul governo inglese perche’ l’inghilterra torni dentro a sabotare l’ Unione, anche se ormai le direttive approvate nel “periodo Cameron”  sono cosi’ indigeste che difficilmente potra’ succedere.
Fino a pochi mesi fa nessuno negli USA avrebbe scommesso sulla persistenza dell’ Unione Europea, e quindi nessuno si sarebbe posto il problema. Ma oggi il problema si pone eccome, visto che il nuovo segretario di stato USA, tra le prime cose che ha fatto, e’ stata quella di comunicare ai cugini inglesi che se l’ UK sta fuori dalla UE, non sta facendo gli interessi degli USA.
Avevo gia’ spiegato come la UE si unisca SOLO sotto il sogno di sbattere fuori la finanza inglese dai confini, e a quanto pare l’ Obama della situazione la pensa allo stesso modo.
Il secondo punto di estremo interventismo e’ il furore regolatore in materia di privacy che potrebbe calare come una scure su Facebook, Google, Twitter & co, che di fatt – lo ricordo- sono tutte aziende AMERICANE.(1)
Non ultimo c’e’ un certo furore fiscale , sempre guarda caso verso i soliti Facebook, Google, Amazon…. e tante altre aziende…. tutte Made in USA.
Che significa in soldoni? Significa che l’ Unione Europea si sente al sicuro, sa che il pericolo e’ scampato, e che il furore regolatorio degli scorsi mesi ha alzato un grosso muro verso l’esterno.
Del resto, non hanno tutti i torti. Di fatto hanno preso il potere in tutto il continente. Secondo l’ultimo trattato sul fiscal compact, che e’ gia’ in vigore anche in Italia , Germania e Francia, i governi PRIMA devono presentare la legge finanziaria alle autorita’ europee, e ricevuto il benestare l’iter prosegue. Morale: i governi sono TUTTI commissariati. TUTTI.
Tutto quello che i governi possono fare e’ gestire “verso il basso”, ovvero spalmare i provvedimenti europei su cittadini e autonomie locali, ma NESSUN governo europeo puo’ adesso avere grandi strategie, perche’ non ci sono spazi di manovra.
In definitiva, cioe’, a Bruxelles si fanno ormai il 92% delle leggi di Germania, Francia e Italia (nonche’ degli altri stati dell’area Euro) e di fatto , dopo il fiscal compact, anche la finanziaria -atto cardine del governo- e’ sotto sorveglianza.
 E qui torniamo al punto di sopra: e’ inutile che vi chiediate se vince Grillo o Silvio o Bersani: tanto in ogni caso NON-CAMBIA-NIENTE.  Dopo l’ultima passata di trattati, di fatto comanda la UE. Persino Bankitalia ci ha perso molti dei suoi poteri, almeno sulle banche “sistemiche” e le resta solo la sorveglianza della “piccole” (sotto i 30 miliardi).
Di fatto il governo dell’ Europa esiste gia’, ma e’ una cosa strana, perche’ sara’ il primo governo della storia ad essere segreto. Un governo non ufficiale, che ha un potere enorme che pero’ nessuno percepisce come tale.
Anzi, a dire il vero ormai ha TUTTO il potere. Ma ancora c’e’ chi va a votare per dei partiti che hanno…. un programma di governo. Vabe’.
La vera domanda semmai e’ : ma come e’ possibile?
Cioe’: una crisi economica che di fatto toglie il budget agli stati  puo’ abbattere governi ben piu’ robusti. Crisi meno gravi hanno causato cambi al vertice in USA, hanno fatto cadere dinastie in tutto il mondo: che cosa ha reso la struttura della UE politicamente cosi’ robusta?
La verita’ e’ che sarebbe ora di parlare di questa incredibile costruzione, perche’ sul piano dell’architettura politica e’ davvero stramba.
Immaginate che le due camere in Italia si chiamino una “Parlamento Italiano” (diciamo la camera) e l’altra si chiami “Consiglio dell’ Unione Italiana”. E supponiamo che il senato sia formato DAI MINISTRI DEL GOVERNO. E che il governo, cioe’ solo il primo ministro ed il suo staff, sia chiamato “Commissione Italiana”. E che la camera NON possa proporre leggi, ma solo decidere se approvare le leggi fatte dalla commissione,
Quindi il nostro ipotetico governo italiano sarebbe cosi’:
  1. un senato fatto dai ministri che hanno il potere legislativo e un poco di quello esecutivo.
  2. un parlamento che pero’ NON puo’ proporre leggi ma solo discutere quelle della commissione.
  3. Una commissione che ha il potere LEGISLATIVO, cioe’ emette le leggi da far approvare ma anche il potere esecutivo e sanzionatorio.
  4. Un sistema di corti e tribunali CHE NON RISPONDONO A NESSUNO.
Ovviamente i politilogi storceranno il naso. Che aborto e’ una situazione in cui il parlamento eletto dai cittadini NON HA potere legislativo propositivo , il governo non ha potere esecutivo, che invece detiene una delle due camere?

Beh, e’ proprio cosi’ che funziona:

 

Innanzitutto, l’architettura NON si basa su ALCUNA “divisione dei poteri”. Per la cronaca, potrei definire questa architettura come “macedonia di poteri”. (se potete proporre altri nomi, tipo “centrifuga di poteri” o “grumo di poteri”, fatevi avanti).

Allora, se e’ un aborto, come e’ possibile che abbia resistito? Possiamo elencare gli stravaganti vantaggi di questo aborto politico:

  • Un parlamento elettivo che NON puo’ proporre leggi ha un grande vantaggio, ovvero quello che anche una politica di lobby molto forte non riesce ad ottenere nulla. Prendete pure il controllo parlamentari: tanto non possono PROPORRE niente. Possono solo bloccare. Con una piccola stranezza: non c’e’ modo di sciogliere questa camera.
  • Un “governo” fatto una camera dal potere legislativo ma abitata da Dieci “formazioni”, che sembrano ministeri –e ne svolgono le funzioni: ministri col potere legislativo!– ma sono divisi PER FUNZIONE, di fatto non e’ un governo politico. Anche se ha potere esecutivo , non risponde ad una maggioranza politica, e la sua stessa presidenza ruota ogni sei mesi! LA curiosita’? Questo “governo” non ha alcun processo di sfiducia. Una volta eletto, non cade fino alla scadenza!
  • Una commissione che non e’ un governo, fa le proposte di legge, ma ha anche il controllo dei ministeri, dette anche “direzioni generali” che sono comandate da un commissario, NONOSTANTE COMMISSARI SIANO DIVISI PER NAZIONALITA’. Viene eletta dal parlamento europeo, e indovinate un pochino: non esiste alcun metodo per farla decadere prima del tempo.

 

Allora, rispondiamo alla prima domanda: perche’ le istituzioni non sono crollate, perche’ non e’ caduta la commissione europea, perche’ non si e’ sciolto il parlamento europeo, perche’ il consiglio non si e’ dimesso? Semplice:

PERCHE’ NON ESISTE ALCUNA PROCEDURA PER FARE NESSUNA DI QUESTE COSE.

Avete capito bene. Immaginate un governo italiano nel quale:

  • Il parlamento una volta eletto non si puo’ sciogliere sino alla fine dei cinque anni perche’ non esiste alcuna procedura di scioglimento delle camere ne’ alcuna autorita’ addetta a farlo.
  • Il governo una volta al potere rimane al potere per cinque anni perche’ non esiste alcuna “sfiducia” o altri processi politici che abbiano come risultato quello di farlo “cadere”.
  • I ministri che rimangono tali per tutto il tempo , sino alla fine del governo, perche’ non esiste alcun modo di sciogliere il consiglio dei ministri.
E se vi piace il cazzo sui maccheroni, potrei aggiungere un sistema di tribunali che non rispondono neanche alla legge: non rispondono proprio a nessuno
perche’ non esistono organi disciplinari nel senso comune del termine.
Questa e’ la ragione per la quale non sono caduti: non possono. Se volete sciogliere le camere a Bruxelles dovete usare l’acido. Non esistono metodi politici.
Di fatto, la stravagante architettura politica e’ fatta – non so se lo abbiano fatto apposta o meno- in modo che raggiunga due obiettivi. Uno e’ la stabilita’: una volta votato in UE, si crea il parlamento, e da qui tutto il resto, e tutto rimane li’ sino alla fine del mandato. Sempre, a meno che non ci siano dimissioni volontarie di uno dei membri, senza che pero’ esista un vero e proprio processo di sfiducia capace di obbligare alle dimissioni.

 

Il secondo obiettivo che raggiunge e’ l’indifferenza. LA totale indifferenza verso qualsiasi cosa normalmente sia in grado di destabilizzare un normale governo democratico.
Volete fare le lobbies in parlamento? Liberissimi, tanto non possono proporre NIENTE. E se anche fermassero delle proposte della commissione, poi ci sarebbe il consiglio a fare di testa propria.
Volete far dimettere un ministro? Un bel problema. Se vi riferite ad un membro del consiglio d’Europa, che ha anche potere legislativo, vi siete limitati ad un pezzo di potere LEGISLATIVO, ma il potere esecutivo rimane in mano ai commissari.  Che non cadono e prendono la presidenza a turno, quindi che diavolo e’ “cadere”?
Il problema della macedonia di potere e’ che potete accanirvi contro un singolo pezzo di mela, e non servira’ a nulla perche’ comunque ci sara’ da qualche parte una ciliegina che ha, alla fine, la stessa prerogativa, ma divisa tra attivita’ legislativa ed esecutiva. Colpite pure il legislatore del consiglio che so io sulla pesca, tanto c’e’ il commissario che, oltre a poter fare a sua volta delle leggi -direttive- e farle approvare al parlamento.  E viceversa.
E’ come se togliessimo dalla costituzione italiana OGNI accenno a “scioglimento delle camere anticipato”, “caduta del governo”, “sfiducia”, “fiducia”, eccetera. Votate, e poi per cinque anni siete a posto. Non cambia nulla.
Credo che abbiate intuito le preoccupazioni USA. L’ Europa si sta costituendo come forma di potere:
  • Stabile per costituzione.
  • Indifferente ad azioni di lobby parlamentare.
  • Non riconosciuto come tale dai cittadini.
  • Assolutamente slegato dalle singole formazioni politiche tradizionali.
  • Totalmente proporzionale in una situazione ove gli USA hanno il maggioritario.
Tale massa di istituzioni ha passato serenamente una crisi che ha mandato in ginocchio svariati governi “tradizionali”, e finita la crisi per prima cosa emana una legge che di fatto ammazza Facebook, Google e Twitter (ovvero il meccanismo della ritenzione dei dati ai fini pubblicitari)  (1)e raduna tutte le telco del continente (“curiosamente” Vodafone e British Telecom non erano invitate) a discutere di una nuova rete di mobile interoperabile, e inizia a occuparsi delle aziende americane che non pagano abbastanza tasse in Europa.
Capite adesso perche’ gli USA siano molto preoccupati che gli inglesi non siano piu’ dentro “il mostro” per indebolirlo dall’interno. Di fatto si trovano di fronte una specie di monolite cinese cui non puoi rimproverare nulla sui diritti umani, e che non reagisce alle pressioni perche’ fa credere che a governare siano ancora “i capi di stato”, quando e’ noto che piu’ del 90% delle leggi dei paesi dell’area euro nascono a Bruxelles, e che le decisioni sulla moneta le fa la BCE, e che ancora coi nuovi trattati ormai gli stati nazionali sono semplici coordinatori di enti locali.

La sfiga e’ che si sono accorti solo troppo tardi dell’errore di Cameron. E che hanno sottovalutato una stravagante macedonia di poteri.

Uriel

(1) http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2009_2014/documents/libe/pr/922/922387/922387it.pdf