Ricettazione e fondimento.

Dunque, visto che lo fa lei lo faccio pure io, e vi faccio ingrassare. Vi posto cioe’ una ricetta. Facile e vi fa pure sembrare dei raffinati sibariti che poi hanno tre segretarie di cui una fa il testimone leale.

Premessa: vi serve una pentola da fonduta, sottostata da un sottopentola in terracotta. Questo per evitare di finire in fiamme una serata che non doveva finire in fiamme, o magari doveva finirci ma non cosi’.

 

Insomma una pentola da fonduta sotto ha una cosa che brucia alimentata ad alcool, quindi metteteci sotto un sottopentola in terracotta. Una cosa come questa insomma: [ndr: immegine irreperibile]

A quel punto, prendete della carne di tacchino, della carne di vitello e una salsiccia di maiale, le tagliate a pezzetti e le mettete in un vassoio, lasciandole in frigo quel tanto che basta perche’ la carne si asciughi, in modo da appiccicarsi agli spiedi. Una spruzzata di  di pepe o di parmigiano va bene per accelerare il processo di asciugatura.

Otterrete qualcosa cosi’: [ndr: immegine irreperibile]

Se avete qualcosa contro il maiale, contro il tacchino o contro il vitello potete ficcarci quadretti della carne che volete, dentro.

A questo punto rimane la parte piu’ interessante: cosa mettere nella pentola da fonduta?

Io ci metto:

  • Mezzo litro di vino rosso , diciamo tipo il Barbera, ma anche i vini forti meridionali vanno bene.
  • 5 Chiodi di garofano.
  • 1 stecca di cannella
  • 5-6 grani interi di pepe
  • 1 foglia di alloro
  • 1 dado per brodo (per i puristi del brodo, vedi sotto)
  • una spruzzata di paprica dolce, secondo il gusto.

A quel punto, accendete la fiamma ad alcool sotto la pentola e aspettate una ventina di minuti. A parte avrete preparato mostarda dolce di Mantova.

Si serve benissimo con un Refosco Superiore.

Bon appetit.

Uriel

(1) per i puristi del brodo, una volta fatto il brodo  e lasciato raffreddare aspettate che faccia un pochino di gelatina , fate scaldare il vino per 10 minuti, indi versare due cucchiai di gelatina di brodo nel vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.