Quanti ne devono morire ancora per la politica?

Di Levoivoddin, aka Uriel Fanelli, 19 marzo 2003

Avete presente quei due ragazzi di milano che si sono presi a coltellate per motivi idioti, dei quali uno e’ rimasto per terra? Ecco, questa cosa non succede per caso.Di questo ero gia’ convinto di mio, ma la cosa piu’ divertente e’ che (per un mio errore di giudizio) sono reduce da un paio di giorni della compagnia di una di queste due fazioni. Non sto li’ a dire quale perche’ sono identiche. Fascisti e comunisti sono identici. Discuteranno di qualsiasi cosa con voi, purche’ non gli diciate mai quanto siano identici. Perche’ e’ la verita’, e come tutti i sistemi propagandistici, temono la verita’. E l’unica verita’ e’ che non c’e’ alcuna differenza tra “fascisti” e “comunisti”. Forse una volta c’era. Ma oggi no. Infatti, quando lo dite loro spostano sempre il discorso sui trascorsi storici, e su altri luoghi lontani. Perche’ sanno bene che se osservate solo loro, e giudicate solo da loro, differenze tra fascisti e comunisti non ce ne sono proprio. Ovviammente, loro spostano il problema sulla differenza tra comunisMO e fascisMO, mentre voi state facendo notare che non trovate alcuna differenza tra comunsTI e fascisTI, cioe’ che voi parlate delle persone e non delle idee. Idee che in entrambi i casi non meritano nemmeno il tempo per essere approfondite. Se non dovete fare cose piu’ importanti come mettervi le dita nel naso, allora  si, si puo’ pensare di andare a vedere cosa fossero questi due pensieri. Ma se sentite prudere il naso, sfogate il vostro istinto senza complessi di colpa: davvero non vi siete persi nulla di importante. In generale, cosa sono questi gruppi? Diciamo che sono sempre in due, identici ed opposti. Chiamiamoli A e B. Allora, c’e’ un capetto di A che prende 1000 ragazzini e gli insegna che i 1000 di B sono dei bastardi. Sono dei bastardi perche’ 50 anni fa o 70 anni fa, o in qualche luogo remoto, qualcuno ha fatto qualcosa di brutto. Ovviamente, anche nel gruppo B si dice la stessa cosa del gruppo A. Perche’ si fa questo? Perche’ si sa come finisce: qualcuno del gruppo A ammazza qualcuno del gruppo B, o viceversa. Per motivi futili, quasi sempre.  Cosa pensate di ottenere,fanatizzando dei ragazzini e insegnando loro ad odiare gli altri? Cui prodest? Prodest ai capetti, agli “ideologi” dei due gruppetti. I quali ci guadagnano la loro mezz’oretta di notorieta’ in TV. Sperano, da perfetti falliti esistenziali, di poter avere una brillante carriera politica se si fanno vedere in TV.  E il loro metodo e’ quello: trovare un po’ di ragazzini che facciano qualcosa di grave per loro  e per la loro bandiera, in modo da fare politica e poter andare in TV. Il fatto che a morire ci vadano ragazzi figli di altri, non li riguarda. State tranquilli che loro figlio sara’ sempre lontano dal luogo degli scontri. Sara’ stato avvisato prima, provvidenzialmente, da papa’. Hanno una coscienza queste persone? Si chiedono cosa stiano facendo quando inferociscono masse di adolescenti? No, perche’ comunque hanno gia’ la scusa pronta. Perche’ il ragazzino del gruppo A sara’ ucciso dal ragazzino del gruppo B. E quindi, il capetto di “A” potra’ dire che i bastardi sono quelli di “B”. E viceversa. Dall’altro lato, la fazione opposta in pubblico si manterra’ il silenzio e nel privato si fara’ la colletta per pagare le spese legali al nostro amico, che “si e’ difeso”. Perche’ ovviamente, “si e’ difeso”. E questo, sempre uguale, sempre banale, sempre identico a se’ stesso, dura ormai da 30 anni. E come ne sono orgogliosi, i partecipanti. Scherziamo, cioe’ non so se mi spiego, io sono il capetto di A, capito? Cioe’, non so se mi spiego. E poi, loro fanno “politica”. Ora, andiamo a vedere cosa sia la politica. La politica e’ quell’attivita’ umana nella quale il singolo pensa di poter dare un proprio contributo alla migliore conduzione della collettivita’. Cioe’ la politica da’ un contributo positivo, aggiungendosi alla spinta che porta al successo una qualche attivita’ benefica per la collettivita’. Adesso, giriamo per l’italia con un taccuino, e vediamo di segnare quale attivita’ utile alla collettivita’ questi signori abbiano portato a termine. Niente. Non troveremo memoria di leggi faatte da loro. Di proposte di legge. Di amministrazioni rette da loro. Non troveremo memoria di alcuna volta in cui ci HANNO PROVATO , a candidarsi per dare il loro contributo alla politica. Gia’, loro sono “extraparlamentari”. In pratica, gente che non ha mai giocato, la quale vuole migliorare il livello di gioco, a patto di non scendere in campo. Quello che loro spacciano per politica sono solo discorsi sulla politica. Roba speculativa, nella quale dicono sempre le stesse cose: gli altri sono dei bastardi, e hanno fatto delle gran porcate. Le stanno ancora facendo. Noi ci opponiamo e siamo perseguitati per questo. Dobbiamo colpire il nemico.Dobbiamo lottare con tutte le nostre forze.Non dobbiamo aver paura. la loro attivita’ consiste sempre nell’opporsi a qualcosa. Nell’avercela con qualcuno.   Tutti uguali, tutti identici a se’ stessi, e tutti identicamente convinti di possedere una qualche assoluta novita’ sconvolgente, senza capire che continuano a ruminare oscenamente qualcosa che dovrebbe gia’ essere stato digerito ed espulso sotto piu’ nobile forma di letame. Da 70 anni continua questa ridicola, patetica commedia. Da 70 anni continuano a morire persone, per una politica che non si traduce MAI in una migliore gestione della collettivita’. Per degli ideali che ormai non ricordano nemmeno loro.Parlano un linguaggio che capiscono solo loro. Parole che non troverete su nessun vocabolario. Luoghi che non vedrete mai, presentati come fossero il primo dei vostri problemi. Fate 3 mesi di coda per un posto in ospedale? Eccerto, e’ una conseguenza di quanto accade in Nicaragua! Avreste mai pensato che il nicaragua fosse cosi’ importante nella vostra vita? Non fatelo, e’ da idioti. Probabilmente il nicaragua non esiste neanche, se lo sono inventati. O magari esiste e si sta benissimo, meglio di qua. E specialmente, questi fanatici sono sempre in guerra. Per voi magari esistono categorie come “vicino di casa” , “impiegata”, “amico”, “fidanzata”, “rompipalle”, e cosi’ via. Normale, giusto? La signora che passa e’ una anziana signora, non certo una “reazionaria incartapecorita”. Per loro no. Esistono “compagni”, “camerati”, “borghesi”, “reazionari”, “provocatori”….e davvero loro vivono in questo mondo. E non si rendono piu’ conto, alienati come sono, che qualcuno da fuori li guarda e dice “povero deficente”. Non capiscono di essere come scemi di guerra di una guerra ormai finita e dimenticata. Per loro quelle sono TUTTE le categorie, e non possono capire che qualcuno ne sia FUORI, e che li guardi con un pizzico di compassione per la miseria umana che la loro visione rappresenta. E cosi’, si ammazzano. O meglio: mandano ragazzini e poveri mentecatti ad ammazzare altri, o a rimanere uccisi. Mica sono scemi… Il discorso diviene penoso se li conoscete a fondo come persone. Definire “essere umano di qualita’ scadente” un’estremista politico, e’ poco. Vi trovate di fronte ad una persona che pensa SOLO ed esclusivamente come gli e’ stato insegnato. Ma dire insegnato e’ poco. “Addestrato” e’ il termine giusto. Nella loro logica, la pochezza della loro vita e’ proiettata su tutto il mondo. Se il padrone di casa mi da’ l’avviso di andarmene, io mi limito a pensare che avra’ trovato da sposarsi la figlia e gli serve la casa. Loro no. E’ “il capitalismo che li colpisce”, o “una vendetta comunista” per la loro attivita’ politica. Che magari nessuno sappia della loro INSIGNIFICANTE attivita’ politica, non li sfiora nemmeno. Che nessuno se li fili piu’ da anni non sta proprio nel loro orizzonte. La morosa li lascia? E’ una borghesotta che diamine, non puo’ certo capire ideali piu’ elevati. Che poi la poveretta sia stufa di sentir parlare delle stesse litanie da 15 anni, non li sfiora nemmeno. E’ una borghesotta, e guarda con chi si e’ messa adesso: quel borghesuccio. (che magari ha piu’ di 1 argomento di cui parlare, e guarda caso non e’ propaganda politica) Guardano la politica internazionale? E’ la proiezione del loro condominio. E’ la lotta dei Brambilla contro i Richese. Dei Berlusconi contro i D’alema.(l’Italia su scala globale conta quanto un condominio qualsiasi) Qualsiasi cosa succeda, e’ quel bastardo di Brambilla e il suo piano per conquistare il petrolio. Il petrolio e’ la loro ossessione. Manco un’industriale del petrolio ne e’ cosi’ ossessionato.  Il petrolio, sia chiaro, c’entra sempre. Ovvio: ognuno di noi associa petrolio ad inquinamento.E’ una roba nera e puzzolente e unta. Avete presente ai bambini quando si dice “no, cacca?”. Ecco, a loro si dice “no petrolio”, e’ uguale. Petrolio=cacca. Spero che nessuno faccia mai guerre per il latte, o per la mamma, senno’ questi sono rovinati. “Una squallida guerra per il petrolio” suona malissimo. “Una squallida guerra per il latte” o “una squallida guerra per la mamma” invece no. O si inventano che c’e’ il petrolio nel latte, o nella mamma, oppure sono rovinati. Oppure diranno “non e’ la mamma il vero problema. Il problema e’ il petrolio”. E si sentiranno davvero dei raffinati intellettuali, a dire questo!  E sia chiaro, hanno anche le fonti.Loro hanno sempre le fonti. Hanno piu’ fonti loro di una multinazionale dell’acqua minerale. Hanno visto il petrolio in posti dove non ce n’e’ alcuna traccia dal pleistocene. In Serbia sono ancora li’ che si chiedono da dove cazzo dovesse passare ‘sto benedetto oleodotto. In afghanistan si stanno ancora chiedendo dove sia il petrolio per cui gli americani si sarebbero abbattuti le torri gemelle da soli per “avere il pretesto”. Qualcuno dica a questi signori che e’ tutto uno scherzo,che questa gente non e’ da prendere sul serio,  e che non c’e’ petrolio li’ da loro, e che non ci sara’ mai nessun oleoedotto, senno’ questi impazziscono. E come si sentivano raffinati, machiavellici, quando dicevano che “la VERA ragione e’ il petrolio”. Quella VERA, capite? Si, perche’ loro non li freghi mica. Loro SANNO quali sordide e turpi macchinazioni voi state per ordire, quallidi borghesi industriali imperialisti sionisti comunisti che non siete altro… L’ URSS pagava migliaia di studiosi per carcare di capire l’avversario americano. Le teste migliori di un paese enorme erano mobilitate giorno e notte per cercare di intuire, spesso con scarso successo,  le future mosse dell’avversario, le sue intenzioni. E avevano a disposizione un pazzesco sistema di spionaggio, costosissimo e capillare. Pivelli. I nostri amici estremisti italiani, invece, vi sanno dire per filo e per segno tutti gli sporchi giochi del nemico da casa, senza neanche un’agente segreto. Vi sanno dire per filo e per segno le riuioni segrete del nemico imperialista, chi c’era, chi non c’era, dove si sia tenuta, come ridere. Macche KGB, macche’ simulazioni, macche’ teoria dei giochi. Il piu’ sballato di estremista politico sia a destra che a sinistra vi sa dire tutto quello che volete sui piani piu’ segreti del pentagono DOMANI, e senza manco sudare. E specialmente, senza sentirsi ridicoli mentre mandano in stampa certe cazzate. E poi guardateli dentro. Guardate il loro spirito. Tutto il tempo a masticare odio, rancore, verso qualcuno. Tutto il tempo a digrignare, a ringhiare insulti contro l’onnipresente nemico. Tutto il giorno a pensare che il nemico “paghera’ tutto, paghera’ caro”. Tutto il giorno immersi in una dialettica lugubre, tombale, fatta di nemici, provocatori, imperialisti, oppressori. Gente che se sorride e’ perche’ hanno ammazzato uno dei loro nemici, o perche’ gli e’ successo qualcosa di male. Spiriti bui, nutriti di odio, di rancore, gente che sembra Torquemada con l’unghia incarnita, che passa tutto il tempo a combattere una battaglia immaginaria,tra fazioni immaginarie. E manda a morire i figli altrui. Scemi di guerra. Scemi di guerra, rintronati dalle manganellate di 30 anni fa, che ancora continuano con i gesti della guerra, senza capire che e’ finita.Come certe persone anziane che ancora corrono al rifugio quando sentono un’ aereo, questi qui continuano a gridare al complotto fascista anche quando un vigile urbano gli fa una multa. Choccati, rincretiniti da qualche grosso botto, non riesconoa svegliarsi dall’incubo di una guerra ormai finita da anni, della quale nemmeno i piu’ anziani di loro ricordano bene i motivi. In tutta onesta’, l’unica cosa che consiglio ad un genitore moderno , e’ di stare attento al loro linguaggio. Se vedete i vostri figli tornare a casa e dire cose come “imperialismo”, “comunisti”, “fascisti”, “complotto”, invece dei normali “musica”, “fidanzato/a”, “vestiti”, “scuola”, state in guardia. Gli ideologi gli si sono avvinghiati addosso come serpenti, e hanno iniziato ad avvelenarli con la loro lugubre paranoia. Li renderanno dei paranoici, dei personaggi tristi e abbruttiti, tesi ad odiare qualcuno di cui non sanno il nome. Chiedetegli “cosa TI hanno fatto, A TE, questi altri ragazzi che detesti”. Con un’odio forsennato i vostri figli vi guarderanno dicendo che non capite. Eccerto che non capite, voi da ragazzi litigavate per le ragazze, non per “che guevara”.(altro patetico idiota tutto fegato e cojones, una spece di ultras stile diego abatantuono, ma con l’accento ispanico. E non si e’ ancora capito se fosse Juventino o meno.) MA il peggio non e’ questo. Non e’ che vedrete i vostri figli sprofondare in una lugubre , plumbea paranoia di parole incomprensibili e di complotti immaginifici. Non e’ che odiera’ a morte un’altro ragazzo di cui magari non sa il nome, ma sa che e’ della fazione opposta. Magari hanno giocato insieme da piccoli, poi e’ arrivata la politica. Ma non e’ questo il peggio. Il problema e’ quello che vostro figlio fara’ presto.  Ecco, una sera la polizia vi chiamera’ e vi dara’ una brutta notizia. O e’ morto o ha ucciso. E’ cosi’ da 30 anni, quel cammino politico e’ cosi’ da 30 anni, e’ un copione noto, sempre uguale, sempre uguale. E poi vedrete il loro ideologo intervistato dalla TV, che si bea di questa notorieta’, mentre voi affogate nella disperazione. Finisce sempre allo stesso modo. E non vi illudete se al suo funerale ci saranno tanti “compagni” o tanti “camerati”. Non sono li’ a piangere, non verseranno lacrime ma solo altra bile. Nel nome di vostro figlio verra’ domani ucciso il figlio di qualcun altro ! Questo sara’ il suo funerale: un giuramento di vendetta.  E’ cosi’ da 30 anni.Sempre uguale. Del resto, doveva finire cosi’. Quando si prendono MIGLIAIA di giovani per parte, gli si insegna che appartengono ad una qualche fazione, e che devono lottare contro un’altra fazione di bastardi che fanno le peggio porcate, cosa deve succedere? Sono come cani addestrati, resi feroci per il combattimento. E poi lasciati liberi. Cosa pensate che porti questo? Porta morti. Guardate i loro sloagan: “lotta dura senza paura”, “antifascismo militante parole poche mazzate tante”, “il nostro onore si chiama fedelta’”, e altre ridicole cazzate violente come queste. Cosa pensate che faranno 1000 ragazzini indottrinati cosi’? Si ammazzeranno, ecco cosa faranno! Caro genitore, salva tuo figlio. Non permettere alla politica di sfiorarlo. Quando la politica cerca giovani, cerca martiri. E’ una bestia fatta cosi’. Non permettere che tuo figlio faccia politica da giovane, perche’ la politica e’ una bestia che i giovani li uccide. Ma sul serio. Li lascia davvero morti per terra. La politica e’ peggiore dell’eroina. E la cosa peggiore e’ che i loro capetti, i loro maestri, non pagheranno mai. E quando pagheranno, magari si ricicleranno a colti intellettuali e si metteranno a strillare per il “processo ingiusto”….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.