Mostruosita’ impunite.

Ovviamente vi aspetterete un post sul risultato delle elezioni. Premetto che non ho votato, dunque non posso “cantare vittoria”. Volete un’analisi. Beh, l’analisi ce la fa gratis, una certa Concita de Gregorio: in questa pagina dell’Unita’ ci spiega perche’ sono stati cacciati dal nord e hanno perso Lazio e Campania, due regioni ad alta densita’ di popolazione.

Il motivo ce lo dice lei stessa, in questo articolo.

 

Cito le parti cui mi riferisco:

 

Che la destra vinca nelle due regioni a più alto tasso di criminalità organizzata, le regioni dove neppure una riunione di condominio si decide senza l’appoggio del capoclan, è un fatto oggettivo

e ancora:

 

 Non è bastato, tuttavia, a tacitare chi nella terra dei casalesi indicava De Luca come un malfattore né a convincere chi ha pensato fosse assai più conveniente restare sul terreno dei poteri reali, i veri potenti di quella terra i cui nomi e cognomi sono noti a chi legga Saviano

Non si chiama piu’ Campania. Era la Campania fino a ieri. Quando governavano loro.  Oggi, in sole due ore,  e’ gia’ la “terra dei casalesi”. Hanno perso il diritto al nome. Al nome della loro regione. Non e’ neanche stato fatto il passaggio di consegne e gia’ sono tutti camorristi. Non piu’ campani. Non piu’ Campania. No, e’ Campania se e’ di sinistra. Se no, “terra dei casalesi”. 

 

Non capite quanto sia mostruoso questo modo di pensare? Di scrivere? Di dire?

Mostruoso, sì. Mostruoso. E’ la parola corretta. Perche’ di frasettine cosi’ ve ne escono di bocca in continuazione.

 

Il veneto e’ gia’ definitivamente il posto delle bestie egoiste e razziste, la Lombardia insomma, si sa , e adesso mi aspetto che anche in piemontesi diventino, insomma, non saprei neanche: che epiteto inventeranno? Egoisti?  Evasori fiscali? Padronato? Non saprei indovinare : ma basta aspettare, ne sono certo.

 

Ovviamente non sara’ stata Concita a far perdere le elezioni. Sono state le mostruosita’ che si sono viste. Pensavate davvero di poter spacciare per “attentato alla democrazia” il semplice desiderio di un partito a partecipare alle elezioni?

 

Pensava davvero Di Pietro di poter chiamare “attentato alla democrazia” una manifestazione di piazza? Certo, la maggioranza che va in piazza e’ quel che e’, ma parliamo del piano politico. Non di quello democratico: sul piano democratico CHIUNQUE ha il diritto di manifestare. Lo dice la Costituzione. Ce lo siamo dimenticati?

 

Era la vostra ferocia, la incredibile, inspiegabile bestialita’ che vi prende prima delle elezioni, che vi porta a digrignare tesi impossibili, assurdita’ palesi di partiti che attentano alla democrazia tentando di… presentarsi alle elezioni, l’assurdita’ di un Di Pietro che sul suo blog scrive delle puttanate come queste:

 

Siamo arrivati perfino al punto in cui si abusa dell’Inno di Mameli per rappresentare una piazza di parte senza che le istituzioni facciano il minimo appunto.

Perche’, un partito che va in piazza non puo’ suonare l’inno di mameli? Perche’ mai ? E’ vietato? Dov’e’ l’abuso? Di quale abuso stiamo parlando? Quale legge e’ stata violata? Chiunque puo’ suonare l’ Inno di Mameli dove cazzo vuole, e non c’e’ alcun abuso.

 

Quello di cui non vi rendete conto e’ che voi, proprio voi, che adesso vi calmerete e tornerete umani (sino alle prossime elezioni)  andavate in giro, sino a ieri, a sostenere queste fesserie. A sostenere che e’ un colpo di stato fascista voler partecipare alle elezioni.

 

Un radicale (si’, uno del PD) ha presentato in parlamento un emendamento sulla cosiddetta “par condicio”, legge voluta a suo tempo dalle sinistre. Questa legge , e non le telefonate di Berlusconi, ha zittito la campagna elettorale impedendo ai partiti di finire in TV. Qualcuno lo ha detto?

 

Tutto questo NON fa vincere. Non fa vincere.

 

Non fanno vincere le inchieste che arrivano in piena campagna elettorale, non fa vincere l’intercettazione sbattuta in prima pagina. NON SONO COSE CHE FANNO VINCERE. Non vi fa vincere Di Pietro. Quello ha perso nel suo stesso comune, lo capite?

 

Oh, adesso spiegherete che avete vinto. Che essere cancellati dalle regioni del Nord e’ bello. E’ una vittoria. Che vincere col 51% in Emilia mentre la Lega passa al 13% e’ una vittoria. Una “bella conferma”. Cazzo, che conferma. E il Piemonte? Non era andato li Walter Weltroni, a iniziare? Ve lo ricordate ancora? No, basta, finito.

 

Le regioni piu’ produttive non vi interessano piu’: vade retro, Satana! Bellissima vittoria.

 

E il Lazio.

 

Marrazzo e’ stato ricattato. Ha denunciato LUI il ricatto, con tutte le sue debolezze e la sua criticabile umanita’. Ora, immaginate la scena: un negoziante e’ vittima del racket, lo denuncia,  e il negozio gli viene chiuso dallo stato perche’ , essendo chiaro che sia ricattabile adesso non si sa mai che si presti al riciclaggio di denaro sporco. Geniale.

 

Questa e’ la logica da teste di cazzo che avete usato. Marrazzo e’ stato vittima dei ricatti di un vero e proprio squadrone della morte. Ciononostante, forse per la disperazione o forse per il coraggio, e’ stato lui a denunciare. Magari sperava che non si sapesse, va bene: fa parte dell’umanita’. Di quella vera. Fatta anche di paure e peccati. Non sempre purissimi e cristallini guerrieri del bene , coerenti e inflessibili. No, anche umani. Pero’, ha denunciato uno squadrone della morte. Di quelli veri. Ammazzavano  , ricattavano, abusavano della divisa per perquisizioni illegali. Spacciavano. Vi rendete conto della TRAVE, invece di guardare alla pagliuzza? Una squadrone della morte in giro per la capitale. E voi no, a fare i british: dimissioni, questa e’ la cosa che conta veramente. Quanto orribili siete?

 

Ma vediamo di capirci: un tizio ricattato va a denunciare i ricattatori, ben sapendo che si tratta di uno squadrone della morte, che ha ucciso una persona (di sicuro) e ancora non si sa chi abbia ammazzato la povera Brenda.

 

E voi cosa fate? Anziche’ inalberarvi come delle bestie contro uno squadrone della morte che per anni agisce tra i carabinieri, e ricatta un vostro politico, anziche’ difenderlo ad oltranza per il coraggio di denunciare, che cosa fate? Lo scaricate come una pezza vecchia. Per fare il bel gesto anglo-chic di dimettersi. Per far vedere che dimettersi e’ fico. Oh, quanto e’ fico dimettersi. Uno squadrone della morte viola la tua vita privata (discutibile o meno, e’ ancora un diritto), tenta un altro reato GRAVE che e’ il ricatto, intimidisce e ammazza una trans, ci sono gia’ sospetti (poi confermati) che abbiano ammazzato un uomo vendendogli eroina, perche’ anche lo spaccio era una delle attivita’ di questa squadra della morte, Marrazzo denuncia la cosa, ha il CORAGGIO di denunciare una cosa mostruosa e voi cosa fate?

 

“Eh, deve dimettersi perche’ e’ ricattabile.”

 

E Falcone, allora, che era minacciabile di morte? Non doveva dimettersi anche lui, allora?  E una squadra della morte a Roma, che spaccia, uccide e ricatta, abusando della propria divisa per perquisizioni illegali a casa delle trans?  Problemi da poco, vero? L’importante e’ dimettersi come fanno in Inghilterramerica. Non e’ mica un rischio per la democrazia, avere quadroni della morte in giro per la capitale. Ma quando mai? Vuoi mettere con le dimissioni, cosi’ british? Eh, se lo scenario non fosse un pelo argentino, quasi pinochetiano, magari, eh….

 

Ma no, il pericolo per la democrazia non sono squadre della morte che girano in divisa per Roma. No, figuriamoci. Quando mai? No, il pericolo  e’  Berlusconi che vuole partecipare alle elezioni.

 

Porca puttana, un qualsiasi cazzo di partito di sinistra , alla vista di uno squadrone della morte che gira spacciando e ammazzando e ricattando avrebbe fatto scintille. Per questo si DOVEVANO chiedere le dimissioni del ministero degli interni. In TUTTO il mondo, l’opposizione , specialmente di sinistra, chiederebbe le dimissioni ALMENO del capo di stato maggiore dei CC.

 

Andate in giro a fare gli antifascisti, e non vi salta, come dire, un pelino agli occhi l’esistenza di uno squadrone della morte in giro per la capitale, impunito per anni? No? Beh, sapete che vi dico? Che non riconoscereste un regime fascista neanche se lo trovaste a letto con vostra moglie cantando faccetta nera. Una squadrone della morte fatto di carabinieri. C’era da cappottare il paese.

 

Invece no: quella notizia e’ passata in sordina rispetto al beau geste di dimettersi. Tutta estetica, siete. Neanche partito, tra un po’ vi farete chiamare iPartito. L’ i-Partito che si I-dimette. Shuffle, pero’.

Nessuno politico di sinistra sembrava avere un minimo di pregiudizi verso una squadra della morte a spasso per la citta’ che decide di colpire il presidente della regione. Del proprio partito, poi.  L’importante era dimettersi, cosi’ trendy. Oh, pardon. My Lady. How british it is. How are you? Fine, thanks. What a wheather, isn’t?  The pen is on the table. The pencil is red.

 

No, non siete il popolo dalle mani pulite. Siete quelli con la testa di cazzo.

 

Per tutta la campagna elettorale siete andati in giro a sostenere cazzate incredibili.Arrampicandovi sugli specchi per sostenere l’insostenibile. Che fosse un grave attentato alla democrazia voler partecipare alle elezioni.  Che murdoch e’ un paladino della liberta’ e non uno che vi sta cavalcando perche’ spera di portare la sua TV ( e no, in confronto a Fox TV Emilio Fede e’ un gattino) in Italia. Sempre dalla parte sbagliata, mi raccomando.

 

Con quella roba li’ non si vince. Non si vince andando in giro a sostenere che una procura faccia bene a sbattere delle intercettazioni sui giornali PRIMA che arrivi l’avviso di garanzia. Non si vince cosi’. Non si vince con Di Pietro e i suoi metodi da sbirro.

 

Non si vince con gente che ragiona come la Concita, e dice che la Campania , ad un solo giorno dalle elezioni, si chiama gia’ “terra dei casalesi”, e che “e’ un fatto oggettivo che la destra vinca nelle due regioni piu’ malavitose”. Eh, ma fino a ieri c’eravate voi. Non era un fatto oggettivo anche quello? Sono cambiati i calabresi? Tutti piu’ delinquenti? Sono piu’ brutti, oggi? Puzzano?

 

Berlusconi ha agio a chiamarvi “partito dell’ odio”, ma dovrebbe usare il termine giusto: mostruoso. E’ mostruoso sentir bollare una regione come “terra dei casalesi” solo perche’ due ore prima (quando ancora si chiamava Campania) ha cambiato voto. E’ mostruoso.

 

 

Così, vien da ridere di fronte a quel baciapile di Formigoni mentre dice di gioire per il successo della Lega anche nella sua regione. Ora, la sua potente cosca cattolica ha trovato pane per i suoi denti in un’altra cosca cattolica ma dotata di alabarda. Ridi ridi: dal profumo che esce dalla cucina lombarda, si direbbe che è quasi pronto un risotto di denti. Passato l’appetito, Formigùn?

Cazzo, due ore prima gli avete chiesto il voto, a quella regione. DUE ORE PRIMA. E gia’ ci sono le “cosche” con le alabarde che preparano “risotti di denti”. Ma come pensate che con una simile forma mentis, con un simile disprezzo , abbiamo mai potuto votare Penati?

 

Due ore prima gli avete chiesto il voto.Due ore.

 

Ma allora ditelo, e non candidatevi nemmeno. Voglio dire, se quelle regioni sono terre di cosche e di scontri con l’alabarda e di gente mostruosa che affama i bambini e strappa le panchine per dispiacere gli immigrati, perche’ vi presentate alle elezioni? Sono dei barbari con l’alabarda o no? Sono degli evasori o no? O diventerebbero immediatamente bellissimi, e umani,  se votassero per voi? In virtu’ di quale magia?

 

L’emilia e’ rossa da 50 anni. Non ho mai sentito Berlusconi insultare gli emiliani. Ha insultato i “coglioni”, ma si e’ mai permesso di insultare una terra. Un popolo. Lo stesso che deve poi dargli il voto. Lo stesso cui chiede il voto. Non e’ un genio lui. E’ solo che insultare una regione NON aiuta poi a farsi votare. Faccio un disegnino?

 

Quando, le scorse elezioni, su 13 regioni 11 andarono a sinistra e due a destra, Berlusconi insulto’ i cittadini di quelle regioni? E non vi passa per la testa che questo possa centrare qualcosa, con il fatto che poi la gente ti voti? Non vi puo’ sfiorare l’idea che quando disprezzi ad alta voce gli abitanti di una regione poi quelli non ti voteranno? 

 

Siete il partito con le mani pulite, o quello con la testa di cazzo?

 

Mi raccomando, adesso ripetete tutti in coro il Vangelo di Concita:

 

I cittadini della terra dei casalesi hanno votato Berlusconi perche’ e’ un fatto oggettivo che c’e’ la camorra. I veneti sono dei barbari evasori fiscali affamatori di bambini. I lombardi sono cosche cattoliche che si fanno i risotti di denti a colpi d’alabarda. Il lazio e’ un covo di fascisti. Ah, si’: in Calabria si ince perche’ la gente vota la Ndrangheta. E i piemontesi sono sempre dei padroni di merda, egoisti e leghisti. Amen.

 

Cosi’ vi ameranno.  E vi voteranno tanto, in futuro. Cosi’ renderete insanabili le fratture. Allargherete i fossati riempiendoli di disprezzo per terre e popoli che hanno, ovviamente, perso ogni diritto al rispetto ed alla dignita’ solo perche’ non vi hanno votato. 

 

E ancora, ripetete  il Vangelo di Di Pietro:

Una manifestazione di piazza del PDL e’ un attentato alla Costituzione.(cit. Di Pietro). E’ fascismo ed illegalita’ voler partecipare al voto a tutti i costi.Amen.

Cosi’ quei pochi antifascisti storici andranno al mare.

 

E ancora, ripetete il vangelo british:

 

Marrazzo doveva dimettersi perche’ ha avuto il coraggio di denunciare uno squadrone della morte fatto di spacciatori, ricattatori e assassini in divisa, e poiche’ tale squadrone della morte lo ricattava, allora bisognava lasciarlo in pasto ai leoni: era ricattabile. E ovviamente, piena solidarieta’ all’arma dei carabinieri, che sara’ cosi’ traumatizzata da quanto e’ successo.  (Mai quanto Brenda ma questi sono dettagli, suppongo.)Oh, poverini.Amen.

Siete orribili. Stupidi. Illogici. Idioti. Disumani.

 

Il catafalco privo di contenuti che state adorando come se fosse un partito non morira’ subito. Magari morisse subito. Al suo posto nascerebbe qualcosa. Un po’ come un ecchio rudere: se si decide di abbatterlo , poi c’e’ spazio per costruire.

 

MA voi no. Farete una lunga morte, una lunghissima morte. Per tutta la lunghissima morte, nulla di nuovo potra’ nascere. Occorreranno ancora anni, anni con un PD che non vince, ma la sua presenza a sinistra toglie ogni spazio a chiunque altro.

 

Questa e’ la vittoria di Berlusconi: la lentezza con la quale la vostra carcassa si dissolve. Una tale lentezza che permette al peso della carcassa di impedire a qualsiasi cosa di crescere. Ma contemporaneamente, pezzo per pezzo, la carcassa marcisce.  Cade in pezzi sempre di piu’.

 

Berlusconi non  dara’ mai il colpo di grazia al PD. Se lo facesse, correrebbe il rischio che al posto del PD nasca qualcosa di nuovo. Di giovane. Di vigoroso. No, lui lo fara’ lentamente. Un pezzettino alla volta, senza mai togliere di mezzo il nemico. Cosi’ la carcassa soffochera’ tutto con il peso di un apparato di partito enorme pesante e soffocante, che si sgretola piano piano.

 

C’e’ una sola parola per descrivere il processo: putrefazione.

 

Non vincete perche’ siete orribili. E no, non i vertici. La base. Quelli che leggono Concita e non hanno nulla da ridire se la Campania in meno di due ore diventa “la terra dei casalesi”.

 

Almeno, aspettate il passaggio di consegne , no?

 

Uriel