La stella dell’odio.

La demolizione dell’ Italia continua, ad un ritmo speditissimo, e devo dire che l’ultima trovata dei propagandisti mi fa un pochino ridere. Sembra che ultimamente siano in grado di farvi digerire qualsiasi cosa, qualsiasi sopruso, qualsiasi perdita, semplicemente dicendovi “ma e’ contro la Germania!”. Cose che prima erano impossibili vengono oggi bevute con gioia, a patto che qualche tedesco dica (o reciti: in fondo, e’ semplicissimo) che gli dispiace.

Prendiamo per esempio Alitalia. Ricordate il casino che ci fu quando la si doveva vendere ai francesi? Giammai! Giammai! Deve restare italiana! Italianita’ ! Italianita’ ! Salvare l’ Italianita’ !
Cosi’, che cosa vogliono fare i furboni oggi? Venderla ad un fondo degli emirati. E che cosa fara’ questo fondo? Si sa gia’: quello che fanno le altre compagnie aeree degli emirati. Usare soldi in cassa degli emiri (che sono anche il governo, btw) per abbassare i prezzi lavorando su margini risicati o nulli.
Inoltre, gli emiri non vogliono portare la gente a viaggiare in Europa o in Italia: essi devono in qualche modo rivalutare il capitale immobiliare delle enormi citta’ che costruiscono nel deserto, e che vivono avendo come unica industria quella che costruisce le citta’ stesse. Ovviamente, per valutarle e tenere alte le quotazioni delle case occorre che esse siano accessibili: lo scopo di ogni compagnia aerea degli emirati e’ di rendere facile raggiungere gli emirati, in modo che gli immobili degli emirati sembrino abbastanza vicini da essere un buon investimento, e non lussuose scatole cadute nel deserto per caso.
E’ chiaro che i finanziamenti degli emirati finirebbero per abbassare i prezzi di alitalia sotto il possibile, ed e’ chiaro che questo ucciderebbe i concorrenti italiani: chi e’ il piu’ grande concorrente italiano di Alitalia? Trenitalia, che con le TAV fa concorrenza sulla Roma-Milano, e la NTV. Miliardi di investimenti che presto saranno obliterati da un fiume di dollari proveniente dalla penisola araba.
Certo, l’italianita’: nei voli verso gli emirati , che diventeranno praticamente tutti, le hostess italiane dovranno magari vestire un velo, e forse il menu di bordo cambiera’ qualcosa , ma non e’ che il vino sia una cosa che ha a che fare con l’Italianita’. No, eh.
Ovviamente, in tempi normali una cosa del genere non vi sarebbe calata giu’ neanche a morire, ma Marchionne & Co hanno una buona idea: vanno ad intervistare il CEO (uscente) di Lufthansa, e gli fanno dire una cosa: “ai tedeschi non va bene che Alitalia venda agli emirati”.
In realta’, il CEO di lufthansa consiglia di non vendere Alitalia agli emirati – per il bene di Alitalia e del sistema italiano – e basta leggere bene l’intervista per capirlo, ma – lost in translation! – e’ facile fare una traduzione furba e lasciarvi ad intendere che se Alitalia vende agli emirati allora i tedeschi piangeranno.
E cosi’, gli stessi che sino a ieri tuonavano contro la vendita ad Air France, oggi sono felici: che importa se Lufthansa si ritirera’ da alcuni scali italiani causandone la probabile chiusura, per via del mutamento di scenario? Via i germanici dall’italia! E pazienza per chi restera’ senza lavoro: chi muore per la patria vissuto e’ assai.
Un altro esempio e’ la storia dell’ “Unione Bancaria”. Approvata stanotte , propone la “ricetta Cipro” per tutte le banche europee che falliscano, vietando tassativamente che arrivino salvataggi coi soldi dei governi, come e’ successo durante la crisi bancaria cipriota, irlandese, spagnola.
Ora, se soltanto un anno fa qualcuno avesse proposto di estendere la “Malvagia Ricetta Cipro”, notoriamente voluta dal governo tedesco (Verissimo!)  tutta europa, i soliti euroscettici si sarebbero strappati i capelli dallo scandalo. Ma come! Far pagare soci e correntisti per il dissesto delle banche, e solo dopo, semmai, elargire quattro spiccioli! Questa e’ una ricetta dei malvagi tedeschi, avrebbero gridato. Questa, avrebbero continuato, e’ una continuazione della politica di austerity: la BCE dovrebbe invece stampare soldi e finanziare cosi’ le banche in difficolta’.
Bene: ieri sera vi hanno venduto la “Ricetta tedesca” , ovvero il “modello Cipro”, come se fosse una grande battaglia di Saccomanni contro Schauble. E nessuno di voi, che abbia un pochino di memoria critica, si ricorda di quando insultavate ME perche’ dicevo che prima Bernier e poi Schauble erano gli INVENTORI di questa proposta, che era l’arma termonucleare totale contro le banche: guardate cosa scrivevo un anno e mezzo fa: http://www.keinpfusch.net/2012/06/michel-barnier-e-il-dolore-delle-banche.html
E ricordate ancora gli insulti che mi sono preso; i vostri.
un’altra caterva di insulti si rivolse contro di me.
Adesso che succede? Che tutti hanno firmato l’unione bancaria, e festeggiano. Come mai? Perche’ Schauble, ovvero “la Germania” e’ contraria. Vi raccontano che Saccomanni ha dovuto combattere contro Schauble, per “strappare” alla germania la “medicina Cipro”. Che hanno inventato loro.
Dico, non sospettate qualcosa? Non vi sentite neanche un pochino manipolati?
Oh, si: adesso mi direte che le Sparkasse tedesche sono terrorizzate perche’ adesso arrivano i controlli e lo stato non le puo’ piu’ aiutare. Non come aiuti di stato, certo. Le puo’ pero’ capitalizzare COME SOCIO. A patto di sottoporsi poi alla ricertificazione dei bilanci, che fa … la TÜV.
In che modo sono fuggiti alla richiesta di ispezione della BCE, nonostante avessero la dimensione di banca “sistemica”? Semplice: hanno semplicemente chiesto al socio pubblico di contribuire ad un aumento di capitale insieme ai privati, per poi svalutare di conseguenza i titoli. In questo modo, e’ partita la procedura di verifica della TÜV, che e’ ancora in corso, e siccome e’ in corso una procedura di verifica dei bilanci, non ci puo’ essere una procedura di indagine. La banca, infatti, ha rinunciato al suo (inesistente) business internazionale ponendosi come banca soggetta SOLO alle leggi tedesche, e quindi non esistono altri enti abilitati ad eseguire la procedura di verifica. Senza parlare del fatto che le procedure di bilancio le scrive comunque il governo tedesco.
Peraltro, 30 miliardi di asset sono tanti, e la stragrande maggioranza delle piccole sparkasse sfugge a questo censimento: i 120 censiti dalla BCE sono banche di dimensione paragonabile al MPS, in molti casi banche di settore come la banca dei farmacisti, o la banca degli agricoltori: hanno molto spazio per diventare fondi o cambiare ragione.
Allora, occorre porsi una domanda :

Non vi viene qualche dubbio sul fatto che sia bastata una dichiarazione a costo zero di un CEO per farvi digerire qualcosa – la svendita di Alitalia agli emirati – che normalmente vi avrebbe fatto uscire il fumo dalle narici?

E ancora:
e’ davvero plausibile che il CEO di Lufthansa sia dispiaciuto se Alitalia, anziche’ alleato di Air France sui cieli europei – ove Lufthansa e’ forte – diventi una compagnia degli emirati , focalizzata sul traffico nel medio oriente, indebolendo a sua volta Air France e SkyTeam?
E se andiamo avanti:
davvero credete che i tedeschi siano affranti se diventa ufficialmente in vigore – in tutta Europa – il metodo Cipro che LORO hanno inventato e sperimentato sull’isola greca?  E davvero pensate che con 55 miliardi potrete risolvere un problema di debito delle banche, quando solo declassando i BTP di MPS, avete 32 miliardi di buco?
Sapete cosa dice questo accordo? Che nel corso dei prossimi ANNI verra’ creato un fondo , di 55 miliardi di euro. La dimensione del “problema banche” in Europa e’ di 3000 miliardi di euro. Nel caso fallisse una banca europea, diciamo di dimensioni anloghe ad MPS, dovra’ PRIMA tassare i soci, POI tassare i depositi piu’ grossi,  infine potra’ attingere ad una parte della “LAUTA” cifra di 55 miliardi di euro. Che, essendo insufficienti, faranno solo la birra. Ovvero, se non riescono a ricapitalizzarsi da sole, affondano.
La “cura Cipro” , in tutta la sua bellezza.
Soltanto sei mesi fa, se vi avessero proposto di renderla legale in tutta Europa, avreste gridato all’invasione teutonica. Come mai adesso vi vanno bene cose che prima non vi andavano bene?
Ve lo dico io: basta che un giornale scriva che la tal cosa dispiace ai tedeschi, e l’opinione pubblica italiana (e molta di quella europea) si orientano di conseguenza. I tedeschi hanno trovato il modo di far marciare le opinioni pubbliche europee come vogliono: quando vogliono che l’europa accetti l’inaccettabile, dicono di essere contrari alla proposta.
Non siete in cattiva compagnia: in GRECIA (santiddio, in Grecia!) i giornali titolano alla vittoria nell’epica battaglia contro Schauble, che finalmente portera’ in tutta Europa…. il metodo usato a Cipro, che ha devastato le casse degli ultimi, pochi risparmiatori greci. metodo ideato da Barnier e Schauble. (1)
Odiate la Trojka? Beh, salutate la nuova Trojka:
Finance ministers agreed to create a €55 billion (£45.9 billion) bailout fund by raising levies on eurozone banks over the next 10 years. That is equivalent to 1% of all deposits held in eurozone banks. Until the full amount is available, bank rescues will be paid for through a complex combination of funds from national backstops and the European fund.
Decisions would be taken by a new Single Resolution Board which would involve the Commission, the Council, the European Central Bank and the national resolution authorities
Eccovi la Trojka: oltre ad essere stato sbattuto fuori l’ FMI (altra GRANDE vittoria tedesca contro gli anglosassoni) , hanno creato una nuova “Trojka” senza l’ FMI. 
Chi guida questa nuova “Trojka”?

The so-called Single Resolution Mechanism will have the power to close or scale down failing banks before they damage the wider economy. It will make up the bloc’s banking union alongside an already agreed supervisory regime, which will be overseen by the European Central Bank.

Ma come? Non era l’europa dei banchieri? Non era l’europa delle lobbies? No, naturalmente. E’ bastato ai tedeschi fare un pochino di scena e di resistenza su una proposta che in sostanza e’ una durissima austerity sulle banche, per diffondere l’idea che fossero contrari. E a quel punto: fine della resistenza.
Ovviamente, non vi hanno riportato le dichiarazioni di Schauble:
“Wir können jetzt sagen, dass wir gute Arbeit für dieses Jahr getan”, der deutsche Finanzminister Wolfgang Schäuble sagte nach der “Deal” bekannt gegeben wurde.
“Wir haben eine gute Basis, um weiter zu arbeiten in den nächsten.”
traduzione mia:
“Adesso  possiamo dire che abbiamo fatto un buon lavoro quest’ anno, abbiamo una buona base , sulla quale lavorare ancora l’anno prossimo”.
Dispiaciutissimo, come vedete.(1)
Ora, io non chiedo alla gente che mi riempiva di insulti un anno e mezzo fa, o sei mesi fa, di ritirarli o di chiedere scusa. Essenzialmente, delle vostre scuse me ne fotto.
Quello di cui dovreste rendervi conto, pero’, e’ che oggi state a festeggiare la svendita di Alitalia ad una compagnia che ve la trasformera’ in una compagnia mediorientale e distruggera’ le piccole compagnie italiane , danneggiando anche gli investimenti sulla TAV, solo perche’ Marchionne vi ha messo sulla stampa un’intervista del CEO (uscente) di Lufthansa, abilmente tradotta , con la quale si dice che non vi conviene farlo. A VOI, intendo.
Poi state festeggiando l’ Unione Bancaria, ovvero la “Cura Cipro” su scala continentale, come se fosse una vittoria, quando solo pochi mesi fa vi strappavate i capelli scandalizzati, soltanto perche’ ve la stanno vendendo come una vittoria CONTRO i tedeschi.
Siete quelli furbi, vero? Si?
Allora, vi rivelo un segreto:

Ad Angela Merkel dispiace TANTISSIMO se la vostra popputa sorella viene a succhiarmelo. Il solo pensiero le toglie il sonno. Terribile. Un donna distrutta.

Sapete bene cosa fare, se volete arruolarvi nella Nuova Resistenza AntiGermanica:
(fotografia di nudo rimossa)
Uriel
(1) Il fatto che sia Barnier che Schauble militino entrambi nel PPE e’ del tutto casuale, mi raccomando. Continuate a ripetervi “ma dispiace ai tedeschi! ma dispiace ai tedeschi!”