La nascita della precarieta’.

Esiste una certa confusione sulla nascita della precarieta’ lavorativa. Essa viene normalmente attribuita alle destre, che invece non si sono mai sognate di fare qualcosa di simile. Quando, di preciso, si inizia a gridare al mondo che “il lavoro dipendente non esiste piu’”, e che “mobil e’ bello?”

Tutto inizia quando Bill Clinton, dopo essere stato eletto, si ritrova con un parlamento ostile perche’ la sua politica e’ stagnante. Cosi’, dopo aver messo un ex consigliere di Coca Cola come ministro del lavoro , decide di ridisegnare i contorni del mondo dell’impiego, allo scopo di aumentare la produttivita’ delle aziende. Questo provvedimento non e’ affatto “di sinistra”, nel senso che si tratta di un ripiego senza il quale il senato rischia di bocciargli l’equivalente della nostra finanziaria, caso nel quale sarebbe costretto , di fatto , a dimettersi.

Clinton, per sfuggire a questo destino, si inventa “la sinistra che fa cose di destra”, spacciando per “New Democrat” questa cosa, e potendo cosi’ accontentare un parlamento ostile. In questo modo Clinton si garanti’ otto anni di governo, e garanti’ agli stati uniti ben DUE crisi economiche, quella del 2001 e quella del credit crunch.

Ma andiamo con ordine. Clinton prima vara alcune riforme, chesono il GATT, l’ HIPAA e il WIA, con le quali rispettivamente ricostruisce i rapporti di lavoro favorendo le esternalizzazioni, fornisce una tassazione favorevole ai “self employee”, al punto che convenne agli americani fare lo stesso lavoro da non-assunti (come le nostre “partitine IVA”) e legifera l’uscita dello stato e delle amministrazioni locali dalle trattative per il reintegro lavorativo dei lavoratori licenziati.

Con queste tre leggi, di fatto, il lavoro negli Stati Uniti diventa “liquido”, secondo la nuova ideologia di “sinistra” americana, concepita per essere “bipartisan”, cioe’ per piacere alla destra. E’ come se pur di essere bipartisan e piacere ai nazisti, Israele chiedesse di inserire nella dichiarazione dei diritti umani “alcune ore di svago genocida per giovani ragazzi biondi”.

Cosi’, nasce la moda del “new democrat”, che in Inghilterra diverra’ “New Labour” con Blair, e qui da noi verra’ chiamata “riformismo” con d’Alema. Nella tabella sotto vediamo l’ordine di propagazione della “riforma clinton” verso l’europa.

In Europa questa riforma arriva insieme al boom della new economy, che arriva insieme alla riforma fiscale americana HIPAA, e a qualche tempo dal Digital Millennium Act. Essa viene adottata, praticamente nello stesso anno, sia in UK che in Italia, da Treu e da Blair contemporaneamente.

Faccio presente che Sir John Major, predecessore di Blair non ha mai osato arrivare a tanto, figuriamoci al delirio che Blair espresse come ideologia politica iper-liberista nel suo “Tony Blair, New Britain : My Vision of a Young Country, Fourth Estate, London, 1996. “

Tutta questa moda fatta di parole inglesi non poteva non arrivare in Italia, dove ad un solo anno dall’uscita del libro di Blair, gia’ si stanno creando le basi per la riforma Treu, che viene varata sotto il governo di Romano Prodi.

Ordine cronologico, in rosso l’adozione di norme sui lavori “atipici”, ovvero precari. In verde la necessaria riforma per compensare la crescita di rischi indotta sul mercato finanziario con la possibilita’ di cartolarizzare e di contabilizzare i rischi come asset.

Anno USA UK IT
1990 George Bush John Major Giulio Andreotti
1991 George Bush John Major Giulio Andreotti
1992 Bill Clinton John Major Giuliano Amato
1993 Bill Clinton John Major Carlo Azeglio Ciampi
1994 Bill Clinton (GATT) John Major Silvio Berlusconi
1995 Bill Clinton John Major Lamberto Dini
1996 Bill Clinton (HIPAA) John Major Romano Prodi
1997 Bill Clinton Tony Blair (New Britain(1)) Romano Prodi (Rif. TREU)
1998 Bill Clinton (WIA) Tony Blair Romano Prodi
1999 Bill Clinton (FMLE) Tony Blair Massimo d’Alema
2000 Bill Clinton Tony Blair Massimo d’Alema

Vorrei far notare una cosa: tutta questa liquidita’ produce un problemino alle banche gia’ durante la New Economy. Clinton aveva creato nove distretti industriali a ridotta tassazione e a ridotto controllo fiscale, nelle quali come si diceva in italia “si finanziavano le idee”. Qual’era il problema?

Che le banche chiesero al governo “e come cazzo distribuiamo i rischi, visto che su 10 startup che finanziamo solo una arriva al successo? Non possiamo chiedere rendimenti del 90%”. La risposta dell’amministrazione Clinton fu il FMLE, Financial Market Leverage Enhancement, che permetteva tutti quei meccanismi di cartolarizzazione che produssero prima la speculazione della “new economy”, e poi la bolla speculativa che abbiamo visto al lavoro come “credit crunch”. Nei paesi europei non si fece (all’epoca) nulla di nuovo, e solo qualche tempo dopo gli UK seguirono l’esempio, ma siamo gia’ dopo l’era clinton. In italia la legislazione rimase piuttosto rigida, per cui abbiamo tenuto “abbastanza bene” la crisi del credit crunch.

Quindi, non e’ assolutamente vero che fu la destra ad istituire queste cose, ne’ ad inventarle. Bisogna stare molto attenti a tutto questo, perche’ di fatto questo e’ il problema della sinistra: di fatto tutte le sinistre europee attuali si sono allineate con questo New Democrat, o New Labour , e solo quella tedesca sta iniziando una vera e propria epurazione con una vera e propria autocritica.

Il motivo per il quale oggi il PD tace quando c’e’ un dibattito sul lavoro come quello innescato da Tremonti e’ proprio che e’ questo “new labour”, questa “nuova sinistra”, questa sinistra al passo coi tempi, ad aver devastato il mercato del lavoro. Non dimentichiamo che al tavolo con Treu c’era Cofferati, che fu segretario generale della CGIL dal 1994 al 2002, e che fu tra i controfirmatari del pacchetto.

Quando oggi ci si lamenta dei “precari della scuola” si dimentica che il mondo statale ancora e’ l’unico a tollerare la figura giuridica del co.co.co, estinta nelle riforme successive (in special modo D. lgs. n° 276/2003) , e mantenuta ad hoc per gli impieghistatali. I signori della scuola non stanno pagando le riforme di Biagi, ma quella di Treu.

Quindi, il vero problema assolutamente paralizzante della sinistra e’ il fatto di aver seguito Clinton nel suo delirio. Il problema e’ che Clinton godeva di un’america in grossa crescita economica, e fece quella cosa non perche’ ci credesse, ma perche’ costretto da una maggioranza incerta al senato , che lo costringeva a proporre leggi che andassero bene a tutti.

Cosi’, si invento’ un’ideologia estemporanea, convincendo il proprio partito che “nuova sinistra=destra” , e ovviamente non aveva nulla di cui convincere i liberisti, che erano gia’ convintissimi di loro.

Allora direte: ma cosi’ stai dicendo che sia una cosa di destra. Eh, no: lo era. Ma con Clinton, il liberismo diventa di sinistra. E’ colpa di Clinton se le sinistre diventano questo merdaio contraddittorio e modaiolo, ed e’ colpa di Clinton se certe idee hanno potuto attecchire e mantenersi a sinistra.

Ma e’ anche colpa di Blair, che mettendosi a scrivere libri e a propagare pseudoideologie , come col suo libello sull” Giovane Inghilterra” si mette a fare il vate del “New Labour”, che altro non e’ se non la destra tatcheriana portata a sinistra.Questa non e’ colpa della destra: e’ assolutamente normale che una destra liberista faccia la destra liberista. Ne’ la destra si e’ mai sognata di pretendere o chiedere che la sinistra aderisse alle sue idee. Quando i repubblicani hanno preso la maggioranza al senato americano, se Clinton si fosse tolto dalle palle gli sarebbe andato benissimo, non e’ che pretendevano che i repubblicani diventassero degli iperliberisti turbocapitalisti.

E’ stato Clinton a voler fare bon viso a cattivo gioco e aprire le porte all’assediante. Se tu consegni le chiavi del tuo castello agli avversari, abbandoni la tua bandiera e ti dichiari al servizio della loro causa, non e’ che puoi dare la colpa al tuoi avversari: loro stavano bene anche ad averti come prima.

Quindi, quando uno di sinistra vi dice che il precariato e’ una cosa di destra, mi spiace ma ha torto: il precariato che conoscete lo dovete attribuire alla “nuova sinistra”, che va dal New Democrat americano al New Labour inglese, fino alla sinistra “Moderna e al passo coi tempi” italiana.

La destra con le sue riforme e’ arrivata dopo, e ha cambiato di pochissimo la situazione. I precari della pubblica amministrazione esistono perche’ la forma lavorativa del co.co.co , abolita nel privato perche’ permetteva il lavoro dipendente mascherato, fu conservata nel pubblico impiego. Quindi non vi incazzate, e prendetevela con Prodi, Treu, Cofferati, cioe’ con coloro che seguirono la moda di Clinton e Blair e si accodarono al massacro.

Alla destra potete chiedere una politica sociale solo se si tratta di una destra molto consociativa o ad una destra assistenziale di stampo veterodemocristiano: per il resto, non c’e’ ragione di chiedere una cosa come quella proposta da Tremonti, che arriva agli onori della stampa solo perche’ c’e’ un forte mal di pancia tra le banche.

Porre fine a questo disastro sarebbe compito delle sinistre, ma c’e’ un guaio: che sono state loro a farlo. E siccome non stanno facendo nessuna autocritica, e stanno tenendo al potere gli stessi uomini, non aspettatevi che sia possibile farlo da sinistra.

L’unico partito che oggi come oggi ha la liberta’ ideologica e la sensibilita’ popolare atta a svolgere questo compito e’ la Lega.

Finche’ la sinistra non ha il coraggio di fare autocritica (come sta succedendo qui in Germania) e di iniziare un percorso che la purifichi di questo incidente storico nato per le esigenze spicciole di Clinton, non c’e’ altra alternativa.

E dovrete rassegnarvi a vedere un dibattito sul precariato, cioe’ sul mondo del lavoro, nel quale parlano tutti, da Tremonti a Berlusconi, dalla Marcegaglia ad Epifani, tranne il PD, cioe’ il partito ispirato al “New Labour”, che nella pronuncia di Rutelli sembra quasi un profetico  “No Labour”.

Ma non venite a raccontare che la colpa sia delle destre, perche’ non lo e’. Se il lupo ti mangia perche’ per libera scelta ti sei fatto pecora, e solo per quello, la colpa non e’ del lupo, ma della tua libera decisione di essere pecora.

Non c’era ALCUNA necessita’ indotta dal mercato per comportarsi in questo modo. L’ UNICA necessita’ in gioco era la sopravvivenza politica di un Clinton che doveva fare leggi che un parlamento in mano ai repubblicani potesse accettare.Non era scritto sulla Bibbia e non era una necessita’: era solo uno stratagemma di partiti di sinistra fallimentari che , dopo aver perso il consenso dell’elettore di sinistra, si sforzano di usare il consenso degli elettori di destra. Niente di piu’.

E se non ci sara’ nessuna autocritica, da parte dei fichissimi troppo buoni e troppo British e troppo New Labour,  avete come unico partito della working class la Lega Nord: buona fortuna.

Uriel

(1)Tony Blair, New Britain : My Vision of a Young Country, Fourth Estate, London, 1996

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.