IVA IMU Lallallero.

Devono avervi appasionato molto i discorsi alle camere, a quanto vedo dalla casella del modulo di contatto. Eppure, proprio con la fine della vicenda e’ stata chiara la vicenda stessa. Insomma, hanno fatto tutto sto casino per via di IVA e IMU. E adesso che le due tasse sono andate in vigore, il governo torna insieme.

Insomma, IVA e IMU servivano a far quadrare i conti. Erano state presentate a Bruxelles come parte del percorso di risanamento, e da mesi Bruxelles andava ripetendo che il bilancio italiano senta IMU e IVA non sarebbe stato credibile.
D’altro canto, Berlusconi aveva promesso di togliere l’ IMU e di non far aumentare l’ IVA, e anche il PD non intendeva introdurre altre tasse, specialmente l’ IVA che colpisce “a tappeto” e piu’ i poveri che i ricchi.

Allora si trovavano presi tra incudine e martello: togliendo IVA e IMU si sforavano i parametri e si tornava dentro la procedura d’infrazione, insieme alla Francia. Lasciandole, invece, Berlusconi sarebbe stato accusato di non aver tolto l’ IMU e il PD di aver permesso l’ aumentod ell’ IVA.  Un bel dilemma.

Come fare a far passare una tassa che serve senza prendersene la paternita? Semplice: basta non essere al governo mentre le tasse vanno in vigore.
Adesso che succede? Succede che IVA e IMU sono ormai dentro il documento di bilancio che andra’ preparato entro il 15 Ottobre. Siccome non ci sono “i tempi tecnici” per abolirle o trovare altre soluzioni, il risultato e’ che ormai ve le tenete, perche’ verranno inserite nel decreto di stabilita’ consegnato a Bruxelles.
Ma , adesso, se vi chiedessi “di chi e’ la colpa di IVA e IMU?” , i berlusconiani vi diranno che loro si erano ritirati dal governo per colpa dell’ IVA, e che comunque il governo era caduto. Quelli del PD vi diranno che loro avrebbero TAAAANTO voluto togliere queste due tasse, ma poverini, il governo era caduto, e quindi non potevano.

E adesso che il governo torna tale e quale? Beh, il decreto di stabilita’ si presenta il 15 ottobre, quindi non ci saranno “i tempi tecnici” per togliere la tassa, Scommettiamo? (Un pochino come dire che potete stuprare una donna se mancano i tempi tecnici per corteggiarla, ma a voi piacera’, perche’ parlerete di Berlusconi e di falchi e di colombe. Grillo vi dice che loro non sono niente, e voi pagherete tutto.)

In questo modo vi hanno fatto passare IVA e IMU , spostando la vostra attenzione su qualcosa d’altro, ovvero la “caduta del governo”.

Questa caduta del governo e’ servita SOLO a farvi passare due tasse, due belle botte nei denti, senza che nessun partito se ne prendesse la responsabilita’ (il paese era senza governo) e senza che se ne parlasse troppo sui giornali, dal momento che si parlava solo di fiducia, sfiducia e traditori dei vari partiti. Una semplice telenovela che vi ha tenuti occupati mentre ve lo sprangavano nel baragnaus.

La seconda domanda in ordine e’ “ma adesso che IVA e’ aumentata e IMU anche, il paese va a fondo?”. La risposta e’ piu’ complessa, dal momento che oggi come oggi i consumi sono gia’ compressi al minimo per i molti “poco abbienti” mentre le tasse sono pagabili per i pochi “molto abbienti”.
Se prendiamo l’ IVA, troviamo che colpisce molto piu’ i poveri dei ricchi. Se aumentano generi di prima necessita’, infatti, e un ricco mangia tanto pane quanto un povero, un aumento del pane colpisce piu’ un povero che un ricco, in percentuale.
Cosi’, l’aumento dell’ IVA va a colpire le fasce della popolazione che hanno gia’ compresso al minimo i consumi, e di certo non possono comprimerli ancora del 1-6% (a seconda della lunghezza della catena di distribuzione, questo sara’ l’intervallo di aumenti) , per cui qualcuno che gia’ soffre soffrira’ il 6% in piu’. Niente di piu’. Alcuni consumi caleranno, ma solo per la parte marginale che non ha ancora compresso del tutto i consumi.
Sparare ad un cadavere non peggiora di molto le sue condizioni, insomma.
L’ IMU e’ una cosa diversa, ma va a punire specialmente proprietari, ovvero persone che se pagano molto possiedono una casa di un certo valore. Qui ovviamente la vulgata domina: chi viene colpito dall’ IMU sostiene di essere un barbone che tira a campare e occasionalmente possiede una capanna da qualche parte, in una palude. Al catasto risulta un appartamento nel quartiere Parioli di Roma.
Questa forbice tra dichiarazioni ovviamente rende difficile stimare il fatto che si colpisca una rendita , ma tant’e’: in assenza di un vero mercato, ove il prezzo delle case possa calare o aumentare, in Italia si realizza una condizione per cui “il mattone e’ investimento sicuro” o “il mattone puo’ aumentare o rimanere cosi’, ma non ci puoi rimettere”. Insomma, latifondo puro, cioe’ rendita. Ma chi possiede la casa dira’ sempre che e’ una capanna nel bel mezzo di una palude che gli serve a dormire insieme ai suoi diciotto figli e alla mamma malata di tisi.
Con questo non voglio dire che l’impatto sara’ nullo, intendo solo dire che ne soffrira’ il paese in generale, e non si rischiano rivolte. Le ultime rivolte servili in Italia risalgono a “qualche tempo fa” ( http://it.wikipedia.org/wiki/Guerre_servili ) e in tutto questo tempo il popolo italiano e’ stato geneticamente modificato al punto che non scende mai in armi contro il governo , se puo’ fregare con l’astuzia un concittadino.

 

 Quindi continuerete a soffrire, tutto qui.
Adesso sono molto curioso di vedere cosa succedera’ il 4, quando si trattera’ di votare sulla galera di Silvio.Ma qui vedo che , se ho capito bene, hanno gia’ pensato a come far confusione. Si e’ creata infatti una fazione ad hoc , cui dare la colpa.
Se infatti fosse un gioco a tre partiti , cioe’ M5S, PD e PDL, il gioco sarebbe gia’ deciso. Visto che PD e M5S dicono di votare NO e solo il PDL si, tutto e’ chiaro.
Il guaio e’ che il voto sara’ segreto, quindi non saprete chi vota cosa. A quel punto, adesso che c’e’ una scissione in casa M5S ed una scissione in casa PDL, qualsiasi cosa accada ogni schieramento ha i suoi “traditori” da accusare.
In realta’, sara’ probabilmente il PD a salvare Berlusconi, cosi’ come hanno organizzato la farsa della caduta del governo perche’ si trovavano tra incudine e martello, ovvero tra IMU+IVA e Bruxelles, ma potete giurare che in caso di QUALSIASI sorpresa, Berlusconi potra’ accusare le sue colombe di aver tramato per farlo saltare, e grillo i suoi traditori per aver fatto passare Silvio.
In realta’ esiste la possibilita’ non piccola che , tra leghisti (colpiti non poco da inchieste), gente del partito di Monti (anche quello colpito non poco) e cespuglidemocristiani vari, il voto si articoli in modo da impedire di capire chi voti chi. Non e’ impossibile, cioe’, che il voto salvi Silvio, ma qualsiasi numero esca, non sara’ mai quello che ci si aspetta, aprendo nuove spaccature nei partiti.

/*memoria per me stesso: fidarsi meno di input esterni, da chicchessia. Altrimenti tantovale aprire un blog multiautore. Anche se in buona fede. */

Ultima domanda: l’applicazione retroattiva della legge Severino.
In generale, NESSUN paese civile consente MAI norme penali retroattive. Immaginate che l’ Olanda, ove oggi usare droghe e’ legale, decida che diventi un reato. Quindi, da ora in poi non si dovra’ piu’fare. Ok, tutto bene.
Ma adesso supponiamo che decidano che sia stato SEMPRE un reato, e quindi diventi punibile chi IN PASSATO ha usato droghe. Allora tutte queste persone dicono “ehi, ma quando lo feci era legale! Fosse stato illegale non lo avrei fatto!”. La ragione per cui non sono possibili norme penali retroattive e’ che OGGI voi vi muovete nell’insieme di divieti attuali. Se una cosa e’ legale, la fate: non potete certo sapere che una tal cosa, oggi legale, sara’ illegale domani. Non siete indovini.
Per questa ragione, nessun paese accetta norme penali che abbiano sanzioni , se hanno effetti retroattivi. Su questo punto, quasi sicuramente applicando retroattivamente una legge penale si viola la costituzione, e si rischia di dare ragione a chi di ragioni ne ha poche. Comunque, considerando che il PD e’ specializzato nel far passare il torto dalla parte della ragione, credo c he applicheranno la legge in senso retroattivo, ottenendo cosi’ un parere contrario da OGNI corte internazionale e dalla stessa corte costituzionale.
Detto questo, domani e’ festa della riunificazione della Germania, e quindi probabilmente non scrivero’, essendo intento a riunificarmi con Fedelweißer e FlammKuchen.
Buona IMU e buona IVA. E mi raccomando, quando bisogna far pagare una tassa in piu’, semplicemente fate cadere il governo nella settimana in cui va in vigore. Funziona.
Uriel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.