Integrita’ intellettuale e nasi turati.

Non sono mai stato positivo verso Beppe Grillo. Eppure, una persona ha sempre il diritto di difendere la propria dignita’ intellettuale. Se sei contro qualcuno, diciamo che non approvi le idee di un comunista, non per questo devi credere che i comunisti mangino i bambini. Allo stesso modo, mi sembra che si stia un pelino esagerando sul conto di Grillo, e quando si superano certi limiti, le persone intellettualmente oneste iniziano un tantino ad incazzarsi.

La prima vulgata che e’ un vero e proprio insulto all’intelletto umano e’ che Grillo “userebbe un linguaggio violento”. Ora, porca puttana, vorrei capire.

A destra avete un guazzabuglio confuso di neofascisti -tutti in qualche modo legati al PDL- che di linguaggi violenti avete solo la scelta. Si va da Alemanno salutato col saluto fascista sino alla Santanche, per finire a Bossi e Calderoli e Tosi. Hanno riempito di linguaggio violento il paese, ma non mi sembra che sia successo granche’. E questo per una ragione: il linguaggio violento in politica e’ praticamente normale.

A sinistra avete solo da scegliere. Si va da quelli che sono coi notav che fanno a cazzotti con la polizia, a quelli che incitano HAMAS, che stanno col SEL, sino a quelli che lanciavano molotov in piazza come D’Alema , e se volete c’e’ anche qualcuno che oggi va in piazza con le magliette di Che Guevara, che proprio un pacifista non era. Ora, io vorrei capire come mai il vostro sdegno verso il linguaggio violento non si attivi mai per vendola che dice “I ricchi devono andare all’inferno”, a Bersani che “li sbraniamo se parlano di MPS”.

Anche al centro, nonostante la loro pretesa di essere “moderati”, mi sembra che partendo dalle questioni gay sino ai giudizi verso chi non la pensa come loro tanto piano non ci vadano. Gente che ha la Binetti che fa apologia della tortura in parlamento. Gente che dice che l’inquisizione spagnola va rivalutata. Si va da chi rifiuta di approvare leggi contro l’omofobia perche’ “censurerebbero la Chiesa” (siamo nello scheramento di Rutelli) a chi dice che le nuove norme riguardo alla naturalizzazione dei figli avuti fuori dal matrimonio “legalizzano l’ incesto”.

Cosi’, vorrei capire: ma il vostro sdegno verso i linguaggi violenti e’ una cosa seria? Non vi sentite ridicoli? Davvero non vi rendete conto che questa retorica e’ un insulto all’intelligenza?

L’altra accusa e’ quella di populismo. Ora, ma non vi sentite ridicoli neanche un pochino a tirare fuori questa stronzata? Vediamo di capirci.

Lo schieramento di centrodestra propone di togliere l’ IMU, di togliere le tasse sulla casa, di abbassare l’ irpef e di fare un condono tombale. Ovviamente non parlano alla pancia del paese, ovviamente non e’ populismo, ovviamente si tratta di raffinate istanze intellettual-politiche circa la differenza tra plusvalore e valore d’uso, isn’t it?
Lo schieramento di Centro, capitanato da Monti, propone di togliere l’ IMU, ridurre l’ IRPEF e di rilanciare la crescita. Cosa che NON hanno fatto, anzi hanno fatto l’opposto. E anzi avevano detto che non si poteva perche’ altrimenti poi le tasse tornavano raddoppiate. Anche questo non e’ populismo e anche questo non e’ parlare allo stomaco, vero?
A sinistra si va da Vendola che il 75% di tasse oltre al milione di euro, sino al reddito di cittadinanza, per passare dal rilancio della crescita tramite l’europa solidale che Bersani convincera’ la Merkel. Anche qui, niente populismo, giusto?
Com’e’ che la vostra allergia al populismo si sveglia solo quando arriva Grillo? Non vi sentite ridicoli a seguire schieramenti che fanno un populismo spinto e parlano all’intestino crasso del paese in maniera piu’ che spudorata -mutatis mutandis- e nello stesso tempo date del populista a Grillo?

Ora, che genere di reazione vi aspettate di fronte a piazzate del genere? E’ ovvio che chiunque abbia un barlume di dignita’ intellettuale iniziera’ a difendere Grillo. E’ come coi comunisti: se qualcuno diceva “e’ un’utopia che non puo’ funzionare” ovviamente potevo concordare, ma se mi dicevano “non lasciare tuo figlio ad una maestra comunista perche’ loro mangiano i bambini” chiaramente la tua intelligenza si ribellava.

Perche’ e’ questo il punto: per quanto voi perdiate la testa ad ogni elezione, e per quanto vi trasformiate in una ripugnante tifoseria fondamentalista , un mix tra Al Qaeda e la Curva Sud , c’e’ anche gente al mondo che ci tiene alla propria integrita’ intellettuale.

C’e’ gente che cui NON potete dire che i comunisti mangiano i bambini e NON potete dire che se voti PCI la maronnuzza chiagne. Sicuramente potete dire che il comunismo storicamente e’ una utopia fallita. Potremmo discutere se lo direste anche in Cina, ma siamo ancora sul campo delle opinioni accettabili.

Ma se mi dite che i comunisti mangiano i bambini, la risposta e’ “ma che cazzo dici?”. E non sara’ possibile per voi rispondere che “ma tu difendi i comunisti”.

No: difendo la mia dignita’ intellettuale.

Sono disposto a pensare che il comunismo sia fallito, se mi spiegate come mai il presidente USA vada a leccare il culo ai comunisti cinesi ogni tre mesi. Sono disposto a credere che sia fallito o vincente a seconda dei fatti che mi mostrate. Ma, con vostra buona pace, mangiare i bambini non ha niente a che vedere col comunismo. Atti di cannibalismo successero in URSS, in periodi di estrema carestia, causati principalmente da un tizio che di nome faceva Adolf. Non esattamente colpa “dei comunisti”, vista la pletora di “capitalisti” che hanno finanziato “Il Capo” perche’ fermasse i comunisti.

Cosi’, avete rotto il cazzo. Pensate pure che io difenda Grillo, ma sto iniziando a rompermi i coglioni di gente che arriva qui a dire che “Grillo usa un linguaggio violento”. E’ come se veniste a dire “vendo un colosseo”. Non e’ una frase come tutte le altre: e’ come dire “e penso che tu saresti proprio l’idiota che me lo compra”. Arriva cioe’ un momento in cui si passa un limite, e devi dire “mavaffanculo, vai a prendere per cretino qualcun altro”.

Saro’ molto onesto. Lo scenario politico italiano e’ una sconfinata distesa di merda. Da capo a capo. Ma se proprio fossi costretto -e per fortuna non lo sono!- a votare in Italia, voterei Grillo. Sapete perche’? Perche’ il resto della merda la conosco gia’.

Perche’ potro’ sempre dire che di quella roba non sapevo nulla, mentre del resto ero certo. Sapete benissimo chi sia Berlusconi. Sapete bene cosa sia il PD, e la storia di MPS ve lo ha confermato. Avete visto Monti cambiare da quello che mette le tasse a quello che promette di toglierle. Sapete chi sia Bossi, chi sia Maroni, chi siano i magistrati che “seconda repubblica” vi abbiano dato. Sapete bene chi siano i rifondaroli e che trascorsi di governo abbiano.

Beh, saro’ sincero: Grillo non lo avete mai provato. Potete dire che SPERAVATE che fosse diverso, e nessuno vi prendera’ mai per idioti che hanno comprato il colosseo. Ma se comprate per buoni i partiti che GIA’ CONOSCETE da 50 anni, se votate gente che gia’ conoscete da almeno 30 perche’ da tanto sono in parlamento, beh: non potrete dirlo.

Se votate PD, quando si aprira’ davvero il calderone dell’economia rossa, che e’ marcia e aspetta solo di scoppiare, non potrete dire che “SPERAVATE” che non fossero cosi’. Lo sapevate. Vi veniva detto. L’avete VISTO con l’ MPS.

Se votate ancora Berlusconi e Bossi, non potete dire “ma io SPERAVO che non fosse cosi'”. Perche’ li avete visto, lo sapete, e sapete come finira’: che li spazzeranno via e vi imporranno qualche Monti.

E lo stesso dicasi per Monti. Sapete bene che poteva aumentare le tasse sui patrimoni e su altre ricchezze e ha preferito spennare i poveri. Lo avete visto. L’avete pagata cara. Non potrete dire che SPERAVATE fossero diversi senza fare la figura dei FESSI.

Qualcuno che non conoscete invece e’ una cosa diversa. Innanzitutto perche’ Grillo non si candida, quindi non va in Parlamento. E poi perche’ non li conoscete. La differenza e’ tra colui che sbaglia e colui che persevera.

Se votate Grillo siete gente che ha sbagliato. Ma se votate chiunque altro, siete gente che ha perseverato. Quindi mi spiace, ma nella scelta, dovendo turarsi il naso, per salvare almeno la dignita’ avete solo Grillo.

Oh, non ho cambiato idea su Grillo. Penso che sia adatto a governare il paese come un asteroide e’ adatto ad aumentare la vita media dei rettili. Ma questa e’ ancora un’opinione, mentre e’ un fatto che la rimanente pletora di partiti ha portato , chi stando in plancia chi stando a poppa, la nave contro un iceberg.

Certo, oggi la vostra mente e’ sconvolta dalla politica. Siete nello stato mentale ultras. Non capite un cazzo e non leggerete quello che dico. Altri diranno “Uriel Fanelli difende Grillo”. No, belli. Sto cercando di difendere quel minimo di dignita’ intellettuale che ancora potra’ essere difeso.

Sapete benissimo che Grillo non governera’. Ma sapete benissimo che tutto quello che otterra’ lo avra’ ottenuto contro uno sbarramento di giornali e televisioni che hanno fatto di tutto -non ultima una ripugnante intervista alla sopravvissuta di un incidente stradale di 22 anni fa: indecente prima di tutto sul piano morale- che attaccarlo, non dargli spazio, diffamarlo su ogni minchiata. Questo lo vedete da voi. O meglio, lo vedreste se non foste in una fase “ultras”.

Cosi’ mi spiace: se siete cosi’ ansiosi di turarvi il naso, beh, avete una sola scelta. Col PD non vi turate il naso, perche’ sapete bene cosa siano. Sapete bene che quei cazzo di miliardi che hanno perso a Siena, se governa il PD, li faranno pagare a VOI. 14 miliardi, signori. E li toglieranno, in qualche modo, a VOI. Certo, nel 2016 MPS restituira’ tutto. Miliardi in meno alla scuola, alla sanita’, alle pensioni, PER TRE ANNI, per tenere in piedi una banca che quei soldi LI HA come risorse e potrebbe pagarsi i danni da sola! No, non vi state “turando il naso”, vi state semplicemente VENDENDO IL CULO.

In queste elezioni, probabilmente la speranza di un buon governo o di una classe politica decente e’ inutile. Ma potete almeno salvare la VOSTRA dignita’, dicendo “beh, ma il resto lo conoscevo gia’ “.

Chi vota Grillo scoprira’ di aver sbagliato. Chi vota gli altri scoprira’ di aver PERSEVERATO. Questa e’ la differenza.

Ma non venitemi a vendere il colosseo. Non mi venite a raccontare che il PD sia scevro da conflitti di interesse e da affarismi. Non mi raccontate che stavolta Berlusconi e Maroni saranno diversi. Non mi dite che sperate che Ingroia sia diverso da Di Pietro o che Giannino non sia solo l’ennesimo Giuliano Ferrara meno grasso e coi vestiti orribili, a caccia dell’ 1% per i rimborsi elettorali.

No, perche’ e’ come venirmi a dire che i comunisti mangiavano i bambini. Comunista o anticomunista, chiunque sia onesto vi dira’ che e’ una CAZZATA.

E raccontare cazzate , convinti che qualcuno se le beva, equivale a dargli del coglione.

Perche’ questa cosa non l’avete capita: esiste un limite. Non e’ vero quel che diceva Hitler che una palla piu’ e’ grossa e piu’ funziona. Perche’ arriva un momento in cui chi ha una dignita’ intellettuale si incazza, e dice “basta, la stai sparando TROPPO GROSSA, mi prendi PER CRETINO?”.

Ah, si: Berlusconi ridurra’ le tasse. Come ha sempre fatto. E anche Monti. E anche Bersani e vi daranno pure mille euro al mese come reddito di cittadinanza. E io vendo una Fontana di Trevi poco usata.

Ma voi non ci cascherete, vero?

Uriel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.