Fiori di Bach per il debito pubblico.

Circa due post fa (errore mio) ho confuso Cicap e UAAR, attribuendo al Cicap i problemi dell’ UAAR, cosi’ faccio ammenda parlandone bene. O meglio, parlandone cosi’ per come sono. Vorrei cioe’ fare con voi un’ipotesi, un’ipotesi che parli di come quella che vediamo fallire oggi non sia una politica, non sia una  scelta od una decisione: quello che vediamo e’ il catastrofico fallimento di una non-scienza, l’economia, che sta mostrando di fronte a tutti di non essere una forma di sapere. Andiamo per gradi.

Supponiamo che qualcuno affermi questo: usando la cristalloterapia e i fiori di bach e’ possibile prolungare la vita dei motori delle automobili e migliorarne le prestazioni. Questa scienza e’ cosi’ sofisticata che sa spiegare in termini di “energie positive” e “negative” quanto accade alla vostra automobile, e di conseguenza essi sanno come farvela durare di piu’.

Fico. Che cosa farebbe allora il Cicap ? Il Cicap inviterebbe i maggiori esperti di tale scienza, fornirebbe loro delle automobili su cui si e’ misurato lo stato iniziale,e  poi chiederebbero a questi esperti di produrre cambiamenti misurabili sull’auto stessa.

Quando, inevitabilmente, tali scienze fallirebbero, ovviamente i nostri ciarlatani si giustificherebbero dicendo che “e’ vero che queste auto non sono migliorate, ma se non fosse stato per noi si sarebbero distrutte inesorabilmente. Sarebbe stato ancora peggio.”  Questa e’ la ragione per cui si fanno test a doppio cieco, ovvero paragonando (nel nostro caso) automobili che vengono sottoposte al trattamento ed automobili che NON vengono sottoposte al trattamento: sara’ impossibile affermare che senza sarebbe andato peggio, perche’ quelle senza hanno continuato a lavorare.

Comunque, immaginiamo la scena: i nostri ciarlatani mettono i loro cristalli e i loro fiori di Bach nei Chakra dell’automobile , e non cambia nulla. Momento imbarazzante, figura di merda, e risposta chiara: quelle teorie non valgono niente, non funzionano non sono una forma di conoscenza del mondo.

Sapete perche’ faccio questo esempio? Perche’ oggi avete Monti al governo. Ora, Monti e’ il preside di una delle facolta’ di economia piu’ blasonate del paese. Se c’e’ qualcuno che “capisce di macroeconomia”, se c’e’ qualcuno che SA tutte le cose che si dovrebbero sapere, e’ lui.

Eppure la disoccupazione peggiora,  lo spread non ha fatto quello che lui aveva previsto, la stretta creditizia aumenta, il PIL e’ in calo.

Cosa stiamo vedendo? Stiamo vedendo un ciarlatano che fallisce: ha fatto tutti i suoi rituali magici, ha toccato i Chakra dell’ Italia, ha evocato gli spiriti che doveva evocare, e NON E’ MIGLIORATO NIENTE.

Come succede SEMPRE a chi spaccia per scienza un ammasso di cazzate: appena provano a metterle in pratica, falliscono. Sanno tutto. Quando sono in cattedra SANNO TUTTO. Come i ciarlatani che vogliono migliorare il motore mettendo una pietra di basalto nel baule dell’auto per “risvegliare le energie”,  hanno un sacco di parole.

Non immaginate quanti libri si scrivano su fiori di bach, reiki, cristalloterapie ed altro. Quanti esperti ci siano. Quante scuole, corsi , diplomi ci siano. Se leggete quei libri si parla di dosi, di quantita’ di composizioni, come se si trattasse di una scienza esatta. Ma tutto questo funziona? Funziona solo fino a quando non si chieda loro qualcosa: PRODURRE RISULTATI MISURABILI.

Ora, la cosa non e’ solo italiana. Se in Italia Monti ha avuto il parlamento piu’ obbediente della storia, e ha potuto fallire nonostante le sue potentissime parole magiche (liberalizzazioni, riforme, spending review, abracadabra) , le cose non stanno meglio altrove. Altrove dove? Altrove ovunque.

Sin dall’inizio del suo mandato, Obama Barack ha chiamato i maggiori esperti delle maggiori universita’ americane per consigliarlo. I ciarlatani si sono mossi, hanno fatto fare al governo delle cose. E non e’ cambiato praticamente nulla per gli americani, se non i titoli dei giornali.

C’e’ , oggi, oggi che il mondo crede nella religione del libero mercato -o forse dovrei chiamarla superstizione- un posto ove le cose vadano BENE?

Cos’e’ BENE? E’ facile definirlo: esaminata sul piano logico l’economia si riduce a  due obiettivi

  • Divisione dei compiti che dia un determinato compito a chi meglio lo svolge.
  • Divisione delle risorse, che dia le risorse piu’ vitali al maggior numero possibile di persone, in ordine di necessita’.

Allora, signori: esiste al mondo UN paese liberista ove la disoccupazione sia bassa e le persone abbiano sempre cio’ di cui hanno bisogno?

No.  Non c’e’.

Da quando le scuole liberiste dominano la stampa, la politica, i governi, le decisioni, non c’e’ UN SOLO paese che sia andato in quella direzione applicando quelle ricette. I disoccupati sono dei numeri enormi, quando non enormi -ed in crescita- , anche nei paesi “emergenti” come Cina ed India.

La distribuzione delle risorse e’ SEMPRE PEGGIORE in QUALSIASI paese abbia applicato quelle ricette. QUALSIASI.

L’economia dei ciarlatani fallisce: dietro tutti i blablablabla, alla fine tutto quello che MISURIAMO e’ disoccupazione (=fallimento nella distribuzione dei compiti) e distribuzione iniqua delle risorse (=fallimento nella divisione delle risorse).

Tutti. Monti e’ il preside della scuola che insegna economia al professori di economia. E ha fallito tutti gli obiettivi. hanno fallito allo stesso modo gli espertoni consultati da Obama, e stanno fallendo i liberisti che in INghilterra stanno devastando quel poco di buono che c’era (lo stato inglese) nel tentativo di evocare lo spirito di Margareth Tatcher.(1)

Se qualsiasi altri gruppo di persone avesse millantato le conoscenze che si millantano nelle facolta’ di economia , e poi avesse fallito in questo modo, il Cicap o chi per lui li avrebbe smascherati immediatamente: ciarlatani.

Da quando si e’ iniziato a privatizzare ed a smantellare lo stato sociale, in tutto il mondo, non c’e’ UN SOLO posto ove la disoccupazione sia calata -se non per brevissimi periodi- e la distribuzione delle risorse sia migliorata.  Fallimento completo.

Voi direte: ma come e’ possibile che nessuno sappia? Come e’ possibile che una scienza intera sia tutta fuffa? Oh, non e’ la prima volta che accade. Qualche secolo fa, chiedendo ai medici come affrontare la peste, vi avrebbero consigliato di vestirvi cosi’:

Si trattava di vestirsi con questi assurdi panni da cerusico, portare a spasso una clessidra su due ali, e altre cose a seconda del modello (quello e’ un modello “columbina”, sembra) . Sapete che succedeva? Succedeva che siccome si praticavano i salassi e il sangue veniva versato in strada -sangue infetto- , le lunghe drappeggiature di questi vestiti non facevano altro che sporcarsi nella fanghiglia infetta , e i medici erano i primi a crepare. Inoltre, siccome i guanti venivano indossati ma non lavati, il risultato era di trasmettere ancora di piu’ il male. In ultimo, si raccomandava di riempire il becco della maschera di erbe officinali (salvia e artemisia) , il che sembrerebbe  sensato (come filtro ante litteram)  se ci fosse qualche efficacia di tali erbe contro i batteri, ma specialmente se la peste si trasmettesse per vie aeree, cosa che non e'(2). In realta’ avrebbero fatto meglio ad usare delle brache che evitassero i morsi delle pulci alle caviglie, evitare drappi che potessero strofinarsi al suolo, non praticare il salasso (che era inutile) e specialmente non gettare il sangue in strada (e magari ricominciare a costruire fogne, eh).

MA la scienza dell’epoca, ovvero l’ammasso di sciocche superstizioni che si spacciavano per medicina, diceva questo: vestiti cosi’ e guarirai la peste. I medici morirono a migliaia perche’ le tuniche raccoglievano fanghi infetti dalla strada.

E’ gia’ successo, quindi, che tutto il sapere dell’uomo in un campo SIA STATO COMPLETAMENTE INUTILE. E come ci si accorgeva di questo? Ci si accorgeva di questo perche’ i maggiori esperti, i grandi chirurghi, i grandi medici, NON RIUSCIVANO A MIGLIORARE DI UNA VIRGOLA LA SITUAZIONE.

Non deve stupire. Ma e’ quello che sta accadendo oggi.

In tutto il mondo si sono chiamati esperti , i maggiori esperti, chiedendo loro cosa fare. Ricette piu’ o meno strampalate, come il nuovo liberismo inglese, stanno venendo applicate. Nessuna sta funzionando.

CIARLATANI.

Certo, i medici del 1659 erano in buona fede. Avevano studiato queste cose, e sino a quando il paziende fosse in grado di riprendersi (cioe’ non avesse davvero bisogno di un medico) erano in grado di curarlo. Il guaio veniva quando il paziente si ammalava sul serio, o veniva in caso di epidemia.

Sapete come spiegavano le epidemie nel 1659? Con l’astrologia.

E questo era quello che si studiava IN TUTTE le maggiori facolta’ di medicina DEL MONDO. TUTTI, tutti i medici che uscivano da tali scuole erano letteralmente imbevuti di una tale massa di cazzate (il corpo umano secondo loro era composto da fuoco, acqua, terra e aria) che oggi ci metteremmo a ridere solo ricordandole.

Questa falsa scienza resistette anche oltre il dovuto: quando si scoprirono i batteri, moltissimi medici rifiutarono di praticare la profilassi (lavarsi le mani, disinfettare gli strumenti) per decenni.  Quando si scoprirono i vaccini, i medici non vollero saperne per mezzo secolo. Quando si scopri’ che il salasso non serviva a niente, fu quasi uno scandalo.

La pura e semplice verita’ e’ che la differenza tra scienze e ciarlatanerie consiste nella quantita’ di benefici materialmente misurabili che producono. Oggi i ciarlatani usciti dalle universita’ di economia sono ovunque e stanno consigliando tutti i politici. In Italia addirittura sono al governo, col nome di “Tecnici”.

Ecco, il loro fallimento e’ sotto gli occhi di tutti: e poteva essere intuito.

Quando Monti faceva le sue liberalizzazioni,qualcuno gli chiese per quale motivo avere 4500 taxi in piu’, 2000 farmacie e 500 notai avrebbe risollevato il paese. E lui rispose che si “sarebbero liberate energie per un 1% del PIL”.

Sapete come riconoscere il cialtrone? Al 99.99% dei casi, il cialtrone pseudoscientifico fa un uso abnorme della parola “energia”. Cercate pure, cercate pure ovunque. Cercate il Mago Otelma, i complottisti, quelli che credono ad HAARP, alle scie chimiche, alla cristalloterapia, alle piu’ strampalate forme di “scienze alternative”, in che modo funzionino le loro tecniche. Vi parleranno di “energie” , senza MAI definirle, misurarle, quantificarle.

Doveva essere chiaro, a tutti e sin da subito, che Monti sia solo un astrologo con molti titoli accademici (accadeva anche in passato,  quando l’astrologia era parte delle scienze) , sin da quando ha nominato le “energie”, senza mai nominare unita’ di grandezza, dimensioni, quantita’.

Ora, siete liberi di fidarvi di chi esce da una facolta’ di economia, pretendendo di aver studiato una scienza (strana scienza, non ha MAI fatto UNA SOLA verifica sperimentale delle leggi che enuncia) , e di ascoltarli mentre vi parlano dei meravigliosi principi della scienza macroeconomica , microeconomica, abracadabra e magicabula.

MA ricordatevi una cosa:il-divino-otelma-il-divino-otelma-otelma1 QUESTO E’ IL MEDICO CHE AVETE CHIAMATO PER CURARVI.

Ha scritto un sacco di libri, ha letto un sacco di libri,  conosce un sacco di parole, e’ considerato un maestro, e’ un’autorita’ del suo campo.

E NON SA PROPRIO NIENTE.

Divertitevi pure, coi vostri esperti in economia usciti dalle universita’ che insegnano economia. Presto scoprirete che quella “scienza” e’ l’equivalente della medicina del 1600.

Con la sola differenza che oggi DOVREMMO SAPERE che senza la parte sperimentale una scienza non va da nessuna parte. Invece, nelle facolta’ di economia fingono di non saperlo.

Quello che stiamo vedendo non e’ il declino di un sistema o di una politica o di una ideologia. Stiamo assistendo al classico momento in cui arriva un periodo di siccita’, il popolo e’ allo stremo, il capo del villaggio chiama lo stregone perche’ faccia piovere, lo stregone fa la sua danza della pioggia,   LO STREGONE FALLISCE.

Questo e’ quello che sta succedendo: sic et simpliciter.

E non servira’ a molto esibire formule, presunte conoscenze di scienze inesistenti quali “macroeconomia”, o altre fesserie che si studiano dalle parti di Monti. Se non fai piovere, non sai far piovere. Grande spirito o no. Vi e’ stato chiesto di far piovere. Dicevate di saper fare a far piovere. Dicevate di sapere tutto sulla pioggia, di sapere come e dove avevano sbagliato gli altri.

Peccato che non riusciate a cavare ragno dal buco.

Uriel Fanelli, 22 maggio 2012

(1) Si, i ciarlatani delle maggiori universita’ inglesi -ovviamente facolta’ di economia-  credono che se dite le parole preferite dalla Tatcher, il suo spirito – o qualcosa del genere – portera’ prosperita’ alla nazione. Abracadabra, sim sala bim.

(2) Esiste una forma polmonare della peste che si propaga per vie aeree, ma il contagio avviene respirando starnuti o altre goccioline di liquido provenienti da un malato, cioe’ a pochi metri di distanza. E il filtro di salvia e artemisia non preveniva questo genere di contagi.