Countdown

Dunque, visto che si e’ aperto il sipario sulla Fantascienza (giuro che non lo feci apposta)  ho un’ “annunciazione” da fare: il terzo libro scritto di mio pugno e’ scritto ed entro 1-2 settimane (rileggere, fissare qualche errore di forma, etc) conto di darlo alle stampe. Non e’ un libro col solito protagonista e col solito tema di AR (I e II): si tratta del primo di una saga che si svolge lungo 6000 anni di storia a zonzo per la galassia, e non ha il solito protagonista. Il libro si intitola “Cibo” .

Come ho scritto, il libro rappresenta l’inizio della saga e la sua fine, dopo 6000 anni. Anche se la trama e’ autosufficiente , quanto accade nei 6000 anni di mezzo verra’ nei libri successivi. Si tratta di una storia unica (non divisa in episodi come AR I e ARII) che si svolge sul piano della trama vera e propria e piccoli pezzi dei diari dei protagonisti. Essa inizia da qualche parte nella galassia  seimila anni fa (anche se narra di 8000 anni di storia) e finisce a Washington nel 2034.

I personaggi sono il “Vescovo cassiliano Emera ‘u Namaoth ‘u Assaronin, comandante della XVI Flotta della Diaspora, “la “Reverenda Prostituta, Prima Puttana del Tempio di Naamah, Vescovo archimandrita D’hu an Eskeddan an Malaorir”, l’ “Arcivescovo Baalita e  Maestro Massimo di Logica Amira el Jahrud el Arhiam”. Nell’ultima parte, entrano in gioco il Presidente degli Stati Uniti d’America e la consorte, dalle cui parole si evince il messaggio globale della storia.
Nel mezzo, una guerra fredda tra la Diaspora teocratica e il Commonwealth Imperiale dei rettili e l’arrivo sulla Terra di alcuni visitatori dallo spazio, nonche’ ben tredici sacre scritture che animano la teocrazia degli umanoidi.(1)
Tutto inizia quando il commonwealth imperiale dei rettili viene assalito da un branco di fanatici religiosi coi quali e’ impossibile discutere, che hanno dichiarato una guerra santa (anche se con “qualche ragione” per farlo). Questi fanatici adorano una Dea Puttana e un Dio Assassino, nella stessa persona divina. Poiche’ una delle flotte dei rettili viene massacrata da loro, e la migliore flotta  imperiale e’ in difficolta’, i rettili chiedono l’aiuto della Diaspora (con la quale sono in una specie di guerra fredda) per cercare di calmare i fanatici.
La Diaspora riconosce la sua tredicesima tribu’, sino a quel momento considerata un mito, e invia due vescovi ad inquisire investigare. Il risultato e’ che il concilio dei vescovi si ritrova con una discussione del genere:

    • Sorella, temo di aver capito male. Che cosa vuole fare la… Reverenda… la Reverenda…?
    • La Reverenda Prostituta intende offrire la propria carne in sacrificio a Naamah, offrendosi… offrendo il proprio corpo al piacere di tutti i soldati -circa milletrecento- che l’hanno seguita nella vendetta contro i rettiloidi. -La voce di Amira era calma.
    • Ed e’ questo…. -era intervenuto il fratelo taurita – … e’ questo …  un modo di suicidarsi?
    • Non credo affatto che intenda suicidarsi. Se io e sorella Emera abbiamo capito bene, conta di venire qui in missione ecumenica , quando avra’ finito – ribatte’ Amira.

[CUT CUT SUSPANCE SUSPANCE ….]

    • Sentite -la voce di Emera si fece severa – sapevamo bene chi fosse la Dea Naamah: una prostituta. Fu cacciata dai fratelli per questo. Ci siamo pentiti di averla cacciata, e apprendiamo oggi che la Dea  ha perdonato i fratelli, e lo stesso ha fatto la sua tribu’ nei nostri confronti. Intendiamo ricominciare con gli stessi pregiudizi che ci hanno gia’ portato alle azioni passate, azioni delle quali ci siamo pentiti per duemila anni? E’ questo che vogliamo? Perche’ se e’ questo che vogliamo, beh, io non mi macchiero’ ancora della stessa colpa contro una sorella di Cassiel!

[CUT CUT SUSPANCE SUSPANCE ….]

    • No, fratello -Moyyat rientro’ nella discussione , petulante- non e’ la stessa cosa. Non per l’atto in se’, che suppongo sara’ interessante per la scienza medica. Stiamo dicendo che noi ci troveremo a chiamare… a chiamare che so io… “gran puttana”, “lurida luminosa prostituta”, “squisita bagascia” … -e non oso immaginare che altro- …. dicevo che ci troveremo ad insultare un membro di ogni concilio, ad ogni seduta, solo per scrivere il suo nome agli atti! Come pensate che il popolo accogliera’ questa cosa? Che cosa penseranno?
    • Il popolo pensera’ quello che gli diciamo di pensare – Rispose Moran – come e’ ovvio. Siamo una teocrazia avanzata, non una massa di selvaggi senza governo. E’ scritto “Il governo del giusto guida la mano del  fedele, ed anche il suo spirito.[Processi 61:19]”

[CUT CUT SUSPANCE SUSPANCE ….]

    • Puo’ darsi, sorella , ma la mia era solo un’iperbole, per indicare una classe di problemi. Se la namaita  aprira’ un tempio, e si sapra’ cosa avvenga li’ dentro -oh , a questo punto lo immagino facilmente- come pensi che la prendera’ il popolo?

[CUT CUT SUSPANCE SUSPANCE ….]

    • Fratelli -il taurita si intromise parlando a tutti i presenti- stiamo discutendo di problemi pratici, dopotutto. Li affronteremo in seguito. Se abbiamo esaurito le obiezioni di ordine legale e teologico -il che signica politico- credo che sulle questioni pratiche trovare un accordo sara’ relativamente semplice.

E cosi’ via.
Insomma… se vi piace la fantascienza spaziale, se avete la sensibilita’ religiosa di un facocero satanista, se vi piacciono scene raccapriccianti seguite da una certa pornografia, e volete un finale imprevisto, magari vi piacera”.
Se siete dei credenti convinti, probabilmente vi sentirete offesi dall’idea di religione del libro. Vi rispondo con una parabola dei Vangeli Secondo Don Siegel:

“THERE’S ALWAYS THE POSSIBILITY THAT SOME ASSHOLE WILL BE OFFENDED. ISN’T THERE? [Clint Eastwood, 45:21]”

E se non capite la buona novella, siete dei Bondi.
Se invece siete degli amanti della storia militare, forse vi dispiacera’ per la morte del sosia rettiloide di Clausewitz, per il quale simpatizzerete fino alle mutande . Shit happens, guys: c’era un motivo, pace alli mortacci suoi.
L’uscita del malloppone  e’ prevista da qui a 15 giorni, finite le riletture e la correzione della bozza. Non era previsto, ma mi e’ venuta l’ispirazione.
See yah latah, o come pronunciano i tedeschi, zi ju layteRR: se vedete che scrivo meno del solito, e’ perche’ scrivo PIU’ del solito.
UPDATE: Lady Uriel, che mi aiuta a correggere le bozze, dice che alcune scene iniziali sono raccapriccianti. E non ha ancora letto l’ultimo capitolo. Sembra che occorra stomaco, a questo punto. Spero almeno cambi idea con la parte erotica.
Uriel

(1) In ultima analisi scrivere un vangelo e’ facilissimo. Alla fine dei conti Cristo diceva cose tipo “se semini sulla pietra non nasce un cazzo mentre se semini nei campi nasce un sacco di roba”, oppure “se fai una casa sulla sabbia ti crolla in testa, se ci fai le fondamenta di pietra crolla di meno”.  Niente di speciale, tipo “In verita’ vi dico che la pasta si cala quando l’ acqua bolle [Cucine, 13:76]” .