AVERNO

Pant, pant, puff, puff (di disneyana memoria). Siamo riusciti  a terminare il nuovo libro di fantascienza giusto in tempo per Natale, e siccome e’ Natale, secondo me “AVERNO” ci sta proprio bene. Perche’ noi qui non ci facciamo mancare niente. Come ho fatto per tutti gli altri libri, “esso e’ molto diverso dal precedente”. Cosi’ vi spiego cosa c’e’ di diverso.

Innanzitutto , e’ stato scritto a quattro mani.

Inizialmente Zaniba Gradenko si offri’ per fare “solo” l’editing. Come sapete l’editing e’ la parte che segue la stesura del testo, ed e’ fondamentale perche’ anche il miglior autore , dopo aver riletto centinaia di volte il proprio scritto, non riesce piu’ a notare gli errori.

Ma Zaniba ha iniziato a parlare come se alcune parti non le fossero proprio piaciute, e ad un certo punto ho detto: ok, datosi che ti prudono le mani, e datosi che sai come migliorare il libro, allora lo facciamo a quattro mani.

Per un solitario come me, scrivere un libro a quattro mani non e’ esattamente un processo semplice. Per Zeniba, per altre ragioni, altrettanto.

Il risultato e’ stato un brainstorming piuttosto “veemente”, dal quale e’ uscito , appunto, AVERNO.

Il secondo motivo per il quale e’ diverso dagli altri e’ che c’e’ una storia d’amore. Ok, non e’ esattamente la storia che leggete di solito su Harmony. Di solito “e vissero felici e contenti” richiede, appunto, che tutti vivano felici e contenti, ma non e’ esattamente quel che accade. O meglio, e’ esattamente quel che accade, ma non accade.

Lo sapete, a me non piace vincere facile. E a Zeniba nemmeno.

E’ anche un libro che affronta il tema dell’ Utopia. Posso dirlo? Le distopie hanno rotto i coglioni. Nel senso che e’ sempre un pochino facile usare le distopie: catastrofe nucleare di qui, inquinamento di la’, dittature di su e polizie politiche di giu’. Ok, le prime due volte funziona. Ma al settantacinquesimo Grande Cugino che controlla tutti guardandoli dal frigorifero, iniziate a rompervi le scatole.

Invece noi abbiamo scritto un libro su un’utopia. Dove tutto, ma proprio tutto va per il verso giusto. Tranne le cose che vanno per il verso sbagliato, ma sempre per il verso giusto. Ma un pochino sbagliato.

Come al solito, la fine lascia a voi il compito di capire.

La copertina e’ fatta cosi’:

e questo significa che c’e’ un pochino di atmosfera aggrotech. Ma solo quel tanto che un’utopia puo’ contenere.

Il libro e’ in uscita sia su AMAZON che su GOOGLE Play. Mentre scrivo, su google play e’ in stato “Processing”, per cui forse dovrete aspettare qualche ora.  Appena ho i link definitivi li posto.

Tuttavia se volete comprarlo senza che il Grande Suocero vi veda, onde nascondere alla NSA che leggete i miei libri, potete fare cosi’. Siccome se avete questi problemi siete sicuramente dotati di Bitcoin, allora: 18CzMXsh65cNTFxAUyX4Q4HKi25dgWUbbt

mi mandate 2€ e ci scrivete sotto il vostro indirizzo email e il formato ( sono disponibili: epub,PDF) e via che ve li mando per email.

Insomma, adesso avete qualcosa da mettere sotto l’albero di Natale. O meglio, dopo aver letto il libro, nella cuccia del vostro albero di Natale.

Tags | libri fanelli uriel averno | uriel fanelli libri |